Liberi professionisti, 80 miliardi nelle Casse

Ottanta miliardi di euro. E questa la cifra tonda raggiunta dall’ammontare del risparmio previdenziale gestito dalle Casse privatizzate dei liberi professionisti a fine 2016. Un livello di attivitĂ  totali in crescita del 6% (piĂą 4,6 miliardi) rispetto all’anno precedente. Un fiume di denaro che continua a essere investito largamente in immobili, titoli di Stato e fondi esteri, con limitati investimenti nell’economia reale del nostro Paese. A offrire l’ultima radiografia aggiornata su patrimonio e flussi delle Casse private è la Covip, l’AutoritĂ  di vigilanza sui fondi pensione complementari che da qualche anno vigila anche sulle strutture che gestiscono la previdenza obbligatoria di primo e secondo pilastro. Ebbene, se guardiamo il report sotto il profilo degli investimenti nel sistema Paese, si rileva <<che gli investimenti domestici delle Casse ammontano a 32,9 miliardi di euro, il 41,1% delle attivitĂ , in diminuzione di 1,7 punti percentuali rispetto a12015; di poco superiori gli investimenti non domestici, che si attestano a 33,1 miliardi, corrispondenti al 41,4% del totale, registrando un aumento di 1,7 punti percentuali rispetto a12015>>. <<Nell’ambito degli investimenti domestici — si osserva — restano predominanti gli investimenti immobiliari (18,1 miliardi di euro, il 22,6% delle attivitĂ  totali) e i titoli di Stato (8,8 miliardi di euro, 1’11 per cento delle attivitĂ  totali); nel confronto con il 2015, l’incidenza sul totale delle attivitĂ  registra una diminuzione, rispettivamente, di circa un punto percentuale>>. E alla fine si nota che sono presenti <<i titoli di debito e di capitale per un ammontare rispettivamente pari a 1 e a 2,9 miliardi di euro; nell’insieme, essi corrispondono a14,9% delle attivitĂ , percentuale sostanzialmente stabile rispetto al 2015>>. Senza contare che <<nell’ambito dei titoli di capitale figura il controvalore delle quote del capitale della Banca d’Italia sottoscritte da 8 Casse per circa un miliardo>>. Se l’investimento nell’economia reale italiana rimane limitato, non si può non osservare come l’insieme delle attivitĂ  di investimento delle Casse abbia bisogno di una regolazione e di una vigilanza ampliate e sostenute. Come? Con due tasselli che mancano. Il primo è l’atteso (ma mai varato) regolamento del ministero dell’Economia su criteri e limiti degli investimenti delle Casse. Un vuoto che pesa. <<Si tratta — spiega il presidente della Covip, Mario Padula — di una mancanza che si fa sentire perchĂ©, al contrario, una disciplina unitaria e univoca renderebbe meno difficoltoso il processo di diversificazione degli investimenti che le Casse devono avviare o proseguire>>. Il secondo bullone da stringere nel meccanismo di controllo tocca direttamente l’Authority: nell’organico mancano o sono comunque insufficienti attuari, economisti, analisti finanziari, per citare le figure principali. E mancano perchĂ© le risorse trasferite alla Covip sono al lumicino. Per rimpinguarle basterebbe estendere alle Casse il contributo di vigilanza che da sempre versano i fondi pensione. Come accade, d’altra parte, per tutti i soggetti operanti in mercati o contesti con la presenza di AutoritĂ  indipendenti. Ebbene, la manovra in arrivo potrebbe essere l’occasione per colmare il gap e irrobustire l’attivitĂ  di vigilanza.

Fonte: QN

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Patto salva-spesa, arriva bollino tricolore

(Adnkronos) - La riconoscibilità dei prodotti scontati o a prezzi fissi sarà garantita da un bollino tricolore del Governo con la scritta 'Trimestre anti inflazione' e anche gli esercizi che aderiranno all’iniziativa saranno riconoscibili con un’apposita vetrofania, riportante il logo (bollino) tricolore. E' quanto si legge nel protocollo d'intesa del Trimestre anti inflazione firmato oggi

Meloni ‘toglie’ le transenne, Piazza Colonna riapre al pubblico

(Adnkronos) - Piazza Colonna riapre al pubblico. La piazza su cui si affaccia palazzo Chigi, per molti anni off-limits, torna a essere fruibile per cittadini e turisti. Questa mattina sono state tolte le transenne che impedivano l'accesso, dando così attuazione a una precisa volontà di Giorgia Meloni. Sin dal suo insediamento, a quanto si apprende

VIDEO | Il caso dell’italiano Al-Qaisi detenuto in Israele, Amnesty: “All’udienza dell’1 ottobre sia scarcerato”

ROMA – A quasi un mese dall’arresto di Khaled El-Qaisi, studente universitario italo-palestinese di 23 anni fermato il 31 agosto dalla polizia israeliana, la rappresentante campagne di Amnesty International Tina Marinari si dice “molto preoccupata”. In una intervista con l’agenzia Dire a margine di una conferenza alla Stampa estera stamani a Roma, l’attivista riferisce che