In arrivo le lettere di compliance per le attivitĂ  finanziarie estere

Anche quest’anno molti contribuenti che detengono attivitĂ  finanziarie all’estero potrebbero ricevere dall’agenzia delle Entrate le «comunicazioni perla promozione dell’adempimento spontaneo» perchĂ© risultano aver omesso di indicarle nella dichiarazione dei redditi (quadro RW e altri). Lo scorso anno numerose lettere di questo tipo sono state inviate anche a contribuenti che, avendo affidato i propri investimenti finanziari all’estero in amministrazione o gestione ad intermediari finanziari italiani, non avevano ulteriori obblighi dichiarativi.

Quest’anno, però, pare che l’amministrazione centrale abbia di molto affinato i criteri selettivi per evitare troppe comunicazioni fuori bersaglio. Il meccanismo d’innesco delle comunicazioni è costituito dallo scambio automatico d’informazioni nelle sue varie forme (Facta con gli Stati Uniti, articolo 8 della direttiva 2011/16/UE con i Paesi europei o che hanno stipulato apposite convenzioni con l’Unione europea e Common Reporting Standard-Crs con i Paesi che vi aderiscono). Attraverso lo scambio d’informazioni, infatti, le autoritĂ  fiscali italiane ricevono annualmente l’elenco degli italiani che detengono attivitĂ  finanziarie nei Paesi partner e, evidentemente, lo utilizzano come indicatore di anomalia. Da quest’anno, il rischio di “falsi positivi” è molto alto perchĂ©, per la prima volta, i dati scambiati riguardano anche Svizzera, Principato di Monaco e Austria. Oggetto della comunicazione sono i conti di deposito custodia o gestione aperti presso istituzioni finanziarie residenti nell’altro Stato, il saldo o valore dei conti e l’importo totale lordo degli interessi, dei dividendi e degli altri redditi generati in relazione alle attivitĂ  detenute nel conto pagati ed accreditati sul conto (o in relazione al conto) nel corso dell’anno solare odi altro adeguato periodo di rendicontazione, relativi appunto a soggetti residenti in Italia. Il problema è che le autoritĂ  estere comunicano anche i rapporti che, pur amministrati da una fiduciaria Italiana o gestiti da una banca o societĂ  di gestione del risparmio italiana in veste di sostituti d’imposta, sono intestati direttamente al cliente residente in Italia. Infatti, essendo il conto corrente ed il dossier estero intestati al contribuente italiano, l’intermediario estero obbligato in linea di principio ad assolvere gli obblighi di comunicazione imposti dalla direttiva e dal Crs. Ciò in quanto la normativa relativa al Crs non prevede alcuna esimente per queste fattispecie. Allo stato attuale si sa che l’amministrazione finanziaria è consapevole della criticitĂ ; certamente sono allo studio efficaci interventi correttivi. A questo proposito, è molto importante tener presente che il flusso informativo fornito dagli intermediari finanziari italiani all’Archivio dei rapporti finanziari sui rapporti intrattenuti con la clientela (articolo 7, sesto comma del Dpr6o5/1973 earticolo u, comma 2 del Dl 201/2011) comprende anche le relazioni che puressendo intrattenute con intermediari esteri sono amministrate o gestite da istituzioni finanziarie italiane. Basterebbe quindi che l’Agenzia fosse in grado di confrontare i dati provenienti dallo scambio automatico con quelli presenti nell’Archivio per selezionare le sole situazioni irregolari ed evitare l’avvio di indagini infruttuose. PerchĂ© ciò fosse possibile occorrerebbe prevedere nelle comunicazioni inviate all’Archivio un flag con cui evidenziare che il rapporto oggetto della comunicazione è detenuto, per il tramite dell’intermediario italiano, all’estero. Meglio sarebbe se i tracciati perla comunicazione all’Archivio (il “tracciato unico”) con quelli per lo scambio automatico in modo che ci sia sostanziale corrispondenza tra i dati segnalati dall’intermediario italiano e quelli provenienti dall’estero.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Roma conferisce la cittadinanza onoraria a Julian Assange

ROMA – Roma Capitale ha conferito ufficialmente la cittadinanza onoraria a Julian Assange, il giornalista cofondatore ed ex caporedattore di WikiLeaks autore della rivelazione di documenti secretati concernenti crimini di guerra americani in Medio Oriente, imprigionato dal 2019 nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, nel Regno Unito, e sulla cui estradizione negli Usa il

Dl milleproroghe, Ricciardi (Pd): nulla su frontalieri, vergogna

"Nessuna correzione" Roma, 15 feb. (askanews) – "Ci sono due macchie indelebili e incomprensibili che non avete voluto correggere. Si sono trovate le risorse per tante cose, si sono prorogate misure che fanno mancare introiti alle casse dello Stato e non si capisce perché vi siate incaponiti, ad esempio, sui rimpatriati. Questa cosa sul rientro

Scuola, Aci e Upi promuovono iniziative su sicurezza stradale

Siglato un protocollo d'intesa per stringere la collaborazione Roma, 15 feb. (askanews) – Definire insieme programmi di educazione stradale per le scuole superiori, realizzare corsi ed iniziative divulgative sui temi della sicurezza e della mobilità sicura e sostenibile, promuovere attività culturali integrate, stringendo una collaborazione stabile e duratura. Sono questi alcuni degli obiettivi del protocollo