Esterometro obbligatorio per pmi

Esterometro d’obbligo per la società italiana che effettua operazioni con una controparte inglese, anche se questa, in quanto «piccola impresa», non ha una posizione Iva. È ininfluente il fatto che la transazione sia o meno rilevante ai fini Iva sul territorio nazionale. A far scattare l’adempimento è la circostanza che il fornitore è stabilito oltre confine. Questo il chiarimento fornito dall’Agenzia delle entrate con la risposta a interpello n. 85 del 27 marzo 2019.11 quesito era stato posto da una società di diritto inglese, priva della partita Iva nel proprio paese («Vat number») in forza del regime speciale per le piccole imprese previsto dagli articoli 281-294 della direttiva 2006/112/Ce. Da qui i dubbi circa l’eventuale obbligo di esterometro a carico dei clienti italiani, ai quali la società britannica presta consulenze «B2B». Secondo l’istante, i soggetti passivi italiani non avrebbero dovuto adempiere alla comunicazione, in analogia con quanto già chiarito dalla circolare n. 36/E del 2010 in merito alla presentazione degli elenchi Intrastat. Diversa però la posizione delle Entrate. Secondo l’Agenzia, le situazioni non sono assimilabili. Come previsto dall’articolo 1, comma 3-bis del digs n. 127/2015 i soggetti residenti devono comunicare telematicamente al fisco le operazioni effettuate e ricevute «verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello stato, salvo quelle per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse o ricevute fatture elettroniche». Pertanto non si applica alcuna esclusione al caso di specie, ma il cliente italiano deve trasmettere l’esterometro. In presenza di controparti inglesi, peraltro, l’interpretazione assume ancora maggiore forza in ottica Brexit. A seguito del recesso del Regno Unito dall’Ue «per gli acquisti di beni e servizi da soggetti extraUe, che devono essere documentati con autofattura, non è richiesta la forma elettronica di trasmissione via Sdì». Tali operazioni ricadranno a maggior ragione nel campo di applicazione dell’esterometro.

Reviews

Related Articles