Direttiva sugli sbarchi, Salvini: “Nessuno scontro con vertici militari”. Ma lo Stato Maggiore: “Dipendiamo dalla Difesa”

Nessuna irritazione da parte del ministero della Difesa per la direttiva sugli sbarchi del Viminale che vieta l’ingresso nelle acque italiane delle navi delle ong. Ad assicurarlo è il ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Non mi risultano problemi con i vertici militari, fino a quando sarò ministro dell’Interno i porti restano chiusi. Una questione politica se altri vogliono una linea più morbida”, spiega il vicepremier in merito al presunto ‘sconfinamento’ nelle competenze della Difesa. Fonti del Viminale precisano inoltre che “continuano le interlocuzioni dirette e ai massimi livelli tra Viminale e vertici militari, anche per definire le prossime strategie operative. Sono esclusi dissapori, polemiche o malumori anche per la direttiva diffusa ieri, che infatti ricalca alcuni passaggi già esplicitati in un analogo provvedimento di poche settimane fa”. “Non solo – sottolineano le stesse fonti – La Marina Militare ha dichiarato in documenti ufficiali trasmessi al Viminale di svolgere ‘l’importante attività di polizia dell’alto mare al fine di garantire la sicurezza anticipata delle frontiere marittime esterne’, e in base a questa attività ha chiesto (e già ricevuto in passato) significativi finanziamenti”. Dal ministero dell’Interno sottolineano anche che all’articolo 12 del testo unico sull’immigrazione è previsto che le navi della Marina Militare “possono essere utilizzate” per “concorrere alle attività di polizia in mare”. La stessa legge sull’immigrazione, all’articolo 11, attribuisce al ministro dell’Interno la responsabilità di emanare “le misure necessarie per il coordinamento unificato dei controlli sulla frontiera marittima e terrestre italiana”. Lo Stato Maggiore della Difesa, tuttavia, evidenzia che “le Forze Armate sono uno strumento tecnico operativo al servizio del Paese e che ogni attività viene pertanto svolta in aderenza alle indicazioni politiche e secondo la prevista linea gerarchica”. Una presa di posizione con cui si precisa che i militari rispondono al ministero di riferimento. La direttiva anti-ong – Si tratta di una normativa molto stringente, con un ammonimento firmato Salvini alla nave ‘Mare Jonio’ che da due giorni è di nuovo in mare. L’invito alle autorità è quello di vigilare affinché “il comandante e la proprietà della Nave ‘ – si legge nella direttiva  – si attengano alle vigenti normative nazionali ed internazionali in materia di coordinamento delle attività di soccorso in mare e di idoneità tecnica dei mezzi impiegati per la citata attività”. Che tradotto vuol dire: in un Paese si entra “se si ha il diritto ad entrarci”.   

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Coldiretti: scatta rientro dal ponte, 15 mln di italiani in viaggio

Il 30% sono partiti per le zone di villeggiatura Roma, 4 giu. (askanews) – Scatta il rientro per i 15 milioni di italiani che hanno approfittato del ponte del 2 giugno per trascorre almeno qualche giorno di vacanza. E' quanto afferma la Coldiretti nel tracciare un bilancio della Festa della Repubblica che ha visto quasi

“Vacanze Romane”, il capolavoro dei Matia Bazar compie 40 anni

Il 6 giugno flash mob nella Capitale con Carlo Marrale e Silvia Mezzanotte Roma, 4 giu. (askanews) – Roma si prepara musicalmente ad essere invasa dalle "Vacanze romane" che Silvia Mezzanotte e Carlo Marrale, già membri storici dei Matia Bazar, porteranno in giro per la capitale con un flash mob a sorpresa spostandosi, in alcuni

Papa: con la pace si guadagna. Forse poco. Ma con guerra si perde sempre

"Malvagità è uina delle possibilità delle persone" Roma, 4 giu. (askanews) – "Con la pace si guadagna sempre, forse poco, ma si guadagna. Con la guerra si perde tutto". Lo ha detto papa Francesco nella trasmissione A sua immagine su RaiUno. "Impariamo ad avere compassione, a 'carezzare': solo così potremo essere vicibi a Dio", ha