Salvini: “Crisi governo nella testa dei giornali, non vado in Cdm con elmetto”

“Stasera vado in Consiglio dei ministri e, a leggere quello che scrivono i giornali, bisogna andarci con l’elmetto. La crisi di governo è in testa ai pensieri di Repubblica e del Corriere, la lascio volentieri a loro. Noi andiamo sereni, abbiamo tante cose da fare e tante promesse da mantenere”. Così il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in conferenza stampa a Pinzolo (Trento). “Molto semplicemente – ha aggiunto a proposito del ‘Salva Roma’ – ho detto che, se bisogna aiutare un Comune, allora si aiutino tutti questi Comuni. Ci sono circa 400 Comuni in difficoltà economica in Italia, non vedo perché qualcuno voglia premiare un sindaco su centinaia. O si aiutano tanti Comuni o non si aiuta nessuno”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

2 giugno, a ricevimento Quirinale anche Draghi, Bocelli, Riccardi

La Russa e Fontana con Meloni al debutto. Governo al completo al Colle, gran folla alla festa Roma, 1 giu. (askanews) – Un parterre d'eccezione quello del ricevimento al Quirinale in occasione della festa nazionale della Repubblica che si celebra domani, 2 giugno. Tra i tantissimi partecipanti anche l'ex premier ed ex presidente della Bce

Vino, Valvirginio: 2 mln per rendere più green la cooperativa

Per la riqualificazione impianti e la riconversione ecologica Milano, 1 giu. (askanews) – La Cantina Sociale Colli Fiorentini è sul punto di concludere due importanti investimenti, dal valore complessivo di due milioni di euro, che serviranno per ottenere la riqualificazione dell'impianto di raccolta dell'uva e dell'impianto di frangitura, oltre allo smaltimento delle piastrelle di amianto

Adesione della Ue alla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

Dopo il via libera dell'Europarlamento Roma, 1 giu. (askanews) – L'Unione Europea ha annunciato la propria adesione alla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne, iniziativa dal valore soprattutto simbolico ma che permetterà di applicare alcune disposizioni anche negli Stati membri che non l'hanno ratificata. L'adesione – che aveva ricevuto il via libera dell'Europarlamento