Europee, Meloni esulta: “Fdi-Lega governo possibile, si può fare pure senza Fi”

Giorgia Meloni non ha il tempo di sorridere. Il 6,4% di Fratelli d’Italia alle Europee è un risultato ottimo, ma la leader del partito ora punta direttamente al bersaglio grosso: la caduta del governo gialloverde. “Questo risultato non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza. Nei prossimi mesi cresceremo ancora di più”, dice senza giri di parole. L’avanzata della destra sovranista: “E’ un dato straordinario e l’unico che non era stato previsto dai sondaggi. Siamo stati la sorpresa delle elezioni e lo avevo preannunciato”, argomenta ancora.

Una crescita che, nei pensieri di Meloni, potrebbe portare Fratelli d’Italia fino a Palazzo Chigi. “Gli italiani hanno detto chiaramente che non vogliono il M5S al governo e che un’altra maggioranza, formata da Lega e Fratelli d’Italia è possibile. Salvini li ascolti”, dichiara dicendosi pronta ad assumersi la responsabilità di formare un nuovo esecutivo. Un accordo fra ‘sovranisti doc’ che: “Può bloccare i migranti e fare pure la flat tax, magari abolendo il reddito di cittadinanza”. Un obiettivo che si può raggiungere solamente con un passaggio alle urne. Se il governo gialloverde dovesse cadere, quindi, l’unica via sono le elezioni e mai e poi mai un esecutivo tecnico che Fratelli d’Italia vede come il fumo negli occhi.

A far cantare vittoria a Meloni è soprattutto il sorpasso su Forza Italia in alcune regioni del nord produttivo, dal Veneto (6.8% contro 6,1%) al Friuli Venezia Giulia (7,6% contro 6,7%) e l’exploit del Lazio con il 9%. La parabola ascendente di Fratelli d’Italia rispetto al partito di Silvio Berlusconi fa ipotizzare un futuro da seconda forza del centrodestra con gli ‘azzurri’ eventuali terzo commensale della tavola, ma senza avere troppa voce in capitolo in un menù dal sapore rigorosamente sovranista: “Una maggioranza c’è anche senza di loro”, dice Meloni a chiare lettere invitando Forza Italia a prendere posizioni nette, a partire dall’atteggiamento da tenere al prossimo Parlamento Europeo. “Vorrei che chiarisse in queste ore se è disposta a mettere voti di parlamentari eletti nel centrodestra in un accordo con il Pse che è il Pd in Europa”, dice Meloni. Se non è un avviso di sfratto poco ci manca.

Al governo con Meloni chiude però la porta Salvini: “Io ho chiesto agli italiani un voto per cambiare l’Europa non per creare maggioranze diverse a livello nazionale e far saltare i tavoli. Se i 5 stelle torneranno dialoganti, costruttivi e rispettosi c’è tanto da fare. Ne riparleremo tra 4 anni”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 7 Giugno 2023

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

A Milano arriva BiM, progetto per riqualificare quartiere Bicocca

Spazi viale dell'Innovazione teatro mostre, concerti, cene sociali Roma, 6 giu. (askanews) – L'estate milanese ha una nuova destinazione. Si tratta di BiM – dove Bicocca incontra Milano, un grande progetto di rigenerazione urbana nel cuore del quartiere Bicocca, che dà ufficialmente il via al palinsesto di eventi patrocinato dal Comune di Milano all'insegna di

Vino, presidente Veneto Zaia incontra ministro Lollobrigida

"Difendere un comparto strategico" Venezia, 6 giu. (askanews) – Il ministro dell'Agricoltura della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, e il presidente della Regione Veneto Luca Zaia si sono incontrati questo pomeriggio a Roma, al Masaf, per continuare a elaborare strategie di promozione e tutela dei vini di Conegliano Valdobiaddene. "Dopo il protocollo d'intesa