Famiglia, Fontana a Tridico: A madri e padri 6 mld assegni mai erogati

Milano, 16 mag. (LaPresse) – “Dare alle famiglie i circa 6 miliardi di euro degli assegni familiari che l’Inps risulta non aver mai erogato”. Lo scrive il ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana in una lettera inviata il 3 maggio scorso al presidente Inps, Pasquale Tridico. Nella lettera il Ministro Fontana sollecita Tridico a “fare chiarezza sulla rilevata discrepanza tra risorse assegnate e risorse effettivamente erogate”, che ammonterebbe a circa 6 miliardi di euro e sottolinea “la necessità di considerare questi fondi – derivanti dall’avanzo di cassa strutturale di circa 1 miliardo di euro all’anno, che si verifica sistematicamente nella gestione degli assegni familiari in ambito Inps – alla stregua di un credito maturato dalle famiglie italiane in tutti questi anni”. “Ritengo imprescindibile – conclude Fontana – che si debba prevedere un’adeguata ridistribuzione di queste risorse, proprio a favore dei nuclei familiari”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

2 giugno, dopo la sfilata la Festa prosegue nelle piazze

ROMA - La Festa della Repubblica, terminata la sfilata con il tricolore portato dai paracadutisti, prosegue a via Cavour. Il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano si concede per una foto con dei bambini e una famiglia, Vittorio Sgarbi stringe mani. "Dovremmo amare di più la nostra Patria- dichiara alla Dire un'insegnante che sta camminando verso

Luigi Di Maio è già al lavoro come rappresentante speciale dell’Ue per la regione del Golfo

Dovrà approfondire il partenariato con i Paesi della regione Bruxelles, 2 giu. (askanews) – L'ex ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio è al lavoro da ieri nel suo nuovo ruolo di Rappresentante speciale dell'Ue per la regione del Golfo. Lo ha riferito oggi a Bruxelles il portavoce per la Politica estera della Commissione europea

2 giugno, La Russa: “Teniamo alti i valori della democrazia, della libertà e della sovranità della Patria”

ROMA - "Buona festa della Repubblica", dice il presidente del Senato, Ignazio La Russa, ai cronisti. Suona l'inno di Mameli, cantano i militari schierati e le tante persone che affollano piazza Venezia. Le massime autorità della Repubblica portano il loro saluto al Milite Ignoto. È il preludio alla consueta parata del 2 giugno con cui