Le previsioni Ue, vedono il Pil italiano in frenata. Deficit in crescita al 2,5%

Ulteriore limatura da parte della Commissione Ue per il Pil dell’Italia, che resta fanalino di coda europeo della crescita. Nelle previsioni di primavera Bruxelles vede il Pil italiano al 0,1% nel 2019, contro il 0,2% stimato a febbraio, quando la sforbiciata era stata addirittura di 1 punto percentuale. Nel 2020, la Commissione ritiene che l’Italia crescerà del 0,7%, a fronte del 0,8% delle previsioni d’inverno. Secondo l’Ue dopo i due trimestri di recessione di fine 2018, la “debolezza è destinata a cedere a una ripresa sottomessa” con la probabilità che il Pil “rimbalzi moderatamente sulla scia di una crescente domanda esterna e di trasferimenti sociali più elevati”. 

Debito – Il debito pubblico italiano (sempre stando alle previsioni Ue) aumenterà al 133,7% del Pil nel 2019, dal 132,2% del 2018, per poi salire ancora al 135,2% nel 2020. Lo stima la Commissione Ue, precisando tuttavia che l’aumento dell’Iva per 23 miliardi di euro, la cosiddetta clausola di salvaguardia, darebbe all’Italia “migliori prospettive fiscali”.

Deficit – Il deficit italiano nel 2019 dovrebbe aumentare al 2,5%, dal 2,1% del 2018, “soprattutto per effetto del rallentamento della crescita economica”, mentre nel 2020 è atteso in aumento al 3,5% a politiche invariate e senza considerare l’aumento dell’Iva delle clausole di salvaguardia inserite dal governo. Il disavanzo strutturale dovrebbe salire al 2,4% quest’anno per poi soffrire un ulteriore deterioramento al 3,6% 

Eurozona – La crescita dell’eurozona “continua a un ritmo più moderato” con il Pil che dovrebbe aumentare del 1,2% nel 2019, dopo il 1,9% dello scorso anno, e del 1,5% nel 2020. Lo si legge nelle previsioni di primavera della Commissione Ue, che precisa comunque come quest’anno sarà il settimo di fila di espansione per l’Ue, con tutti gli Stati membri attesi in positivo. A fine febbraio la Commissione stimava un Pil della zona euro in aumento del 1,3% nel 2019 e del 1,6% nel 2020. Bruxelles sostiene che “mentre le incertezze globali continuano a pesare, le dinamiche interne sono destinate a sostenere l’economia europea” e “la crescita dovrebbe riprendere slancio l’anno prossimo”.

Occupazione –  “È improbabile che il mercato del lavoro sfugga all’impatto della crescita economica lenta, come indicato dalle aspettative di occupazione sottomesse delle imprese. Si prevede che la crescita dell’occupazione si fermerà nel 2019”.Si legge nelle previsioni di primavera  che prevedono una crescita del tasso di disoccupazione “vicino all’11%” quest’anno, “poiché il nuovo sistema di reddito di cittadinanza potrebbe indurre le persone a registrarsi ufficialmente come disoccupati e quindi a essere contate nella forza lavoro”. 

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Distrutta in Ucraina la diga sul Dnipro, migliaia di persone in fuga dalle città allagate

Evacuazioni proseguono anche oggi: interessati circa 40.000 residenti Roma, 7 giu. (askanews) – Migliaia di persone sono fuggite da città e villaggi pesantemente allagati dopo l'esplosione alla diga di Nova Kakhovka sul fiume Dnipro, nella regione ucraina di Kherson, e si teme che il livello dell'acqua possa aumentare ulteriormente nelle prossime ore. Le evacuazioni di

Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 7 Giugno 2023

RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l'indirizzo https://www.dire.it

A Milano arriva BiM, progetto per riqualificare quartiere Bicocca

Spazi viale dell'Innovazione teatro mostre, concerti, cene sociali Roma, 6 giu. (askanews) – L'estate milanese ha una nuova destinazione. Si tratta di BiM – dove Bicocca incontra Milano, un grande progetto di rigenerazione urbana nel cuore del quartiere Bicocca, che dà ufficialmente il via al palinsesto di eventi patrocinato dal Comune di Milano all'insegna di