Crisi, Ue: Importante Stati rispettino scadenza nomina commissari

Milano, 20 ago. (LaPresse) – “E’ importante che gli Stati membri rispettino la scadenza di fine agosto” sulla nomina dei commissari europei. Così la portavoce della Commissione europea, Natasha Bertaud, durante il briefing quotidiano, rispondendo a una domanda sulle conseguenze per l’Italia in caso di ritardo nella nomina del suo commissario, la cui scadenza è fissata il 26 agosto. In realtà, come ha spiegato la portavoce, il Consiglio europeo ha chiesto ai governi nazionali “di presentare candidati per la Commissione entro il 26 agosto. Successivamente il presidente eletto ascolterà i candidati e poi proporrà la sua squadra e i portafogli”. Ma quella del 26 agosto “non non è una scadenza legale”. È necessario ricordare però che “il Parlamento europeo intende tenere le audizioni in settembre-ottobre per permettere l’entrata in funzione dell’esecutivo” di Ursula von der Leyen il 1° novembre. Per questo “è importante che gli Stati membri rispettino la scadenza di fine agosto per nominare i commissari”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Difesa, istituzioni e aziende all’Innovation Cybersecurity Summit

ROMA – Il mondo della difesa e della sicurezza cibernetica italiana si è riunito oggi a Roma, al Circolo Ufficiali Forze Armate d’Italia, per la quarta edizione dell’Innovation Cybersecurity Summit, che quest’anno si è focalizzato sul tema delle ‘Prospettive e applicazioni per i nuovi asset tra cybersicurezza, difesa energetica e aerospace’.Il Summit è stato promosso

Vino, Brunello booster per economia: 153 mln contributo su territorio

Bindocci: vino in simbiosi con Montalcino, enoturismo asset congenito Milano, 16 apr. (askanews) – "Da sempre Montalcino vive un rapporto simbiotico con il vino: una comunità agricola tra le più virtuose a livello nazionale insediata in un ecosistema in cui il Brunello fa da traino. Di fatto, l'enoturismo si è affermato proprio qui dove l'esperienza

Caffè torrefatto: export vale 2,26 mld in crescita del 6,8% nel 2023

Lo scorso anno volumi stabili a 285 mila tonnellate Milano, 16 apr. (askanews) – Il comparto del caffè, nonostante le difficoltà degli ultimi anni, continua a registrare numeri positivi. Nel 2023 il caffè torrefatto è stato il quarto prodotto agroalimentare italiano più esportato, con un giro d'affari di 2,259 miliardi di euro (+6,8% rispetto all'anno