Assemblea capitolina, silenziato il pc di Ficcardi: “Chiesti chiarimenti a Microsoft”

ROMA – Forse è stato solo un errore. O forse un dispetto. Fatto sta che le sospette e ripetute interruzioni ai danni della consigliera Simona Ficcardi, ex grillina passata recentemente al gruppo dei Verdi, mentre parlava oggi in Assemblea capitolina dal suo Pc di casa, non sono passate inosservate. E ora il presidente dell’aula, Marcello De Vito, ha “chiesto a Microsoft di avviare una verifica” per capire chi è stato il colpevole. 

L’incidente, o sabotaggio, subito dalla passionaria ambientalista, è avvenuto questo pomeriggio mentre Ficcardi stava letteralmente urlando contro la maggioranza del M5s. In quel momento era in corso la fase della discussione generale su una delibera molto delicata, quella contenente il piano di risanamento di Ama, quello di ristrutturazione, quello industriale, la ricapitalizzazione e l’approvazione dei bilanci 2017, 2018 e 2019 dell’azienda capitolina. Mentre Ficcardi stava criticando la maggioranza del M5s sulla scelta della discarica di Monte Carnevale, improvvisamente, la sua voce sparisce. Poi ritorna per andarsene nuovamente, poco dopo. Le parole della consigliera non arriveranno mai a destinazione. Lo sfogo resta nel volto, tirato, mentre Ficcardi prosegue il suo intervento. 

La situazione, però, non è sfuggita a De Vito che, in diretta, interviene rivolto a Ficcardi. “Le è stato disattivato il microfono, non so come, non so da chi- dice- Nessuno tocchi i microfoni di Ficcardi”. L’audio, allora, torna misteriosamente. Ficcardi è una furia: “Mi disattivano il microfono perchĂ© hanno paura di quello che dico-urla- Si devono solo vergognare su Monte Carnevale.  Vergognatevi”. De Vito aggiunge: “Nessuno si deve permettere di non far parlare una collega”. 

LEGGI ANCHE: Rifiuti Lazio, arresti domiciliari per la dirigente Flaminia Tosini e Valter Lozza

La seduta, dopo l’incidente in questione, viene sospesa per una capigruppo che dura circa un’ora. De Vito, subito dopo, spiega alla Dire: “Ho disposto che L’Assemblea Capitolina chieda una verifica al fornitore Microsoft. Abbiamo anche provveduto di chiedere a Microsoft di modificare i comandi del sistema informatico affinchĂ© solo io e i membri dell’ufficio di presidenza possano disattivare un microfono”. E poi, in aula: “quello che è successo è una cosa inacettabile. Abbiamo chiesto al fornitore di verificare”. 

I lavori sono poi ripresi, tra le tante dichiarazioni di solidarietĂ  a Ficcardi dei consiglieri presenti e l’avvio delle votazioni sui circa 50 ordini del giorno e i 70 emendamenti alla delibera. Fino a quando Microsoft non farĂ  luce non si potrĂ  dire se quanto successo è stato un errore o un dispetto. Ma di sicuro quello che è seguito è il segno evidente del nervosismo tra grillini ed ex grillini nell’Assemblea Capitolina di Roma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Europee, Vannacci in stand by: “Candidatura Lega? Sto valutando”

(Adnkronos) - Non scioglie la riserva il generale Roberto Vannacci sulla sua candidatura per le prossime europee. "Io -dice all'AdnKronos- sto tuttora valutando, ho ancora tempo per decidere il da farsi, è una mia decisione che devo prendere". Il suo nome resta in pole per finire in lista con la Lega di Matteo Salvini: "Vedremo

Cagliari, giovane tennista in rianimazione per meningite

(Adnkronos) - Un 22enne di Olbia è ricoverato in Rianimazione a Cagliari per meningite. Le sue condizioni sono gravi, ma in queste ore ci sarebbe un miglioramento. Il giovane domenica era nel cagliaritano per giocare a tennis quando si è sentito male. Dopo i soccorsi, è stato portato all'ospedale Santissima Trinità di Cagliari. Il giovane

Trasporti, Bitetti: “NecessitĂ  di ulteriori risorse per transizione digitale ed energetica”

(Adnkronos) - “Lo studio di Asstra è molto interessante e consegna uno scenario nel quale c’è necessità di ulteriori risorse per lo sviluppo degli investimenti relativi alla transizione digitale ed energetica. Tutto questo però deve necessariamente accompagnarsi alla necessità di rendere i contratti di servizio maggiormente flessibili per consentire anche in corsa alle aziende di