Cingolani: “La transizione ecologica non è negoziabile, questione di vita o morte”

ROMA – “Il grande obbligo della transizione verso la sostenibilitĂ  non è solo preservare, l’ambiente, quella è una questione di vita o di morte, non è negoziabile, ma anche di dire anche che dobbiamo vivere in una societĂ  globale piĂą giusta”. Roberto Cingolani, ministro della Transizione ecologica, lo dice partecipando, da remoto, alla presentazione della prima edizione del Master MATE – Management della Transizione Ecologica dell’UniversitĂ  di Modena e Reggio Emilia in collaborazione con l’Associazione TES (Transizione ecologica solidale).

Come umanitĂ  “siamo in perenne transizione”, spiega Cingolani, “ma per la prima volta abbiamo una transizione dalla quale dipende il fatto che la nostra evoluzione continui, perchĂ© se non transiamo, se non riusciamo a fare bene le cose nei prossimi anni, rischiamo di avere impatti dal punto di vista ambientale, ma anche sociale, che ci faranno fare passi indietro importanti”. Ad esempio i limiti fisici come quelli relativi alle emissioni di anidride carbonica ma non solo, vanno rispettati, “altrimenti avverranno cambiamenti irreversibili che metteranno a repentaglio la nostra evoluzione”, avverte il ministro, di tratta di “un problema glocal”, come spiega spesso, la cui soluzione “dipende da prossimi anni”.

Ciò detto, segnala il titolare del MITE, “non esiste la possibilitĂ  di risolvere tutto in un istante, dobbiamo mettere in atto strategie progressive, ma abbiamo fretta”, perchĂ© “del tempo lo abbiamo perso in precedenza”, e “se non riusciremo a rispettare il budget della CO2 e contenere l’aumento delle temperature sotto i +1,5 gradi saranno i nostri figli che ora sono alle elementari a pagarne i danni”. Infatti, conclude Cingolani, “in passato pensavamo di proteggere un futuro remoto, ora no, è un futuro presente quello che dobbiamo proteggere, quello dei nostri figli”.

LEGGI ANCHE: Basilicata, Eni condannata per traffico illecito di rifiuti. Legambiente: “Chi inquina paghi”

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

F1 Gp Giappone, Verstappen in pole position e Ferrari insegue

(Adnkronos) - Max Verstappen con la Red Bull in pole position nel Gp del Giappone 2023 a Suzuka, le Ferrari di Charles Leclerc e Carlos Sainz inseguono dalla seconda e terza fila. Il pilota olandese della Red Bull, campione del mondo e leader del Mondiale, dopo aver dominato le terze prove libere oggi si conferma

Ucraina, Ungheria: “No a nuove sanzioni contro Mosca”

(Adnkronos) - Nuove sanzioni contro Mosca non sono necessarie, perché "causano più danni all'Europa che alla Russia". E' l'opinione espressa dal ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto, in un'intervista alla Tass dopo aver incontrato a New York, a margine dell'Assemblea generale dell'Onu, il collega russo Sergei Lavrov, nel corso della quale ha parlato anche della

Matteo Messina Denaro in coma irreversibile, alimentazione non ancora sospesa

(Adnkronos) - Resta in coma irreversibile il boss mafioso Matteo Messina Denaro. Fino a questo momento, come si apprende, i medici non hanno ancora sospeso l’alimentazione artificiale del capomafia ricoverato nel reparto detenuti dell'ospedale San Salvatore dell'Aquila.  Le condizioni del boss, che ha un tumore al colon al quarto stadio, erano peggiorate nei giorni scorsi