Ergastolo per l’assassino di Ana Maria Lacramioara Di Piazza

ROMA – Ergastolo per Antonino Borgia, l’imprenditore di Partinico che il 22 novembre del 2019, con dieci coltellate, ha ucciso Ana Maria Lacramioara Di Piazza, 30 anni, con la quale aveva avuto una relazione extraconiugale. La donna, inseguita in strada a Giardiniello, in provincia di Palermo, e poi accoltellata, era incinta al quarto mese, e secondo l’assassino, reo confesso, lo ricattava pretendendo da lui dei soldi per non rivelare alla moglie di aspettare un bambino suo. “Si è trattato di un raptus”, aveva sempre detto l’uomo.

Oggi i giudici dalla Corte d’Assise di Palermo, come avevano richiesto il procuratore aggiunto Annamaria Picozzi ed il sostituto Chiara Capoluongo, lo hanno condannato alla massima pena, per omicidio volontario, premeditato e aggravato dai futili motivi, ma anche per occultamento di cadavere – il corpo della ragazza infatti era stato ritrovato in un terreno sulla statale 113 – e procurato aborto.

L’avvocata Licia D’Amico che con Alfredo Galasso e le associazioni ‘Insieme a Marianna’ e ‘Bon’t worry’ si erano costituiti parte civile ha dichiarato così alla ‘Dire’: “Oggi siamo felici perchĂ© il ruolo delle associazioni in questo processo è stato importante, soprattutto sull’elemento delle aggravanti. In quasi tutti i femminicidi infatti si parla sempre di raptus, ma in questo caso si è riusciti a dimostrare una grande freddezza e premeditazione da parte dell’assassino. La societĂ  civile si attendeva una riposta forte, e oggi abbiamo vissuto una pagina di straordinaria democrazia, con la collettivitĂ  che è entrata nel processo, e tramite le associazioni si è fatta portavoce di un grande compito”. “Un processo su un femminicidio infatti- ha detto ancora l’avvocata- non riguarda solo una famiglia ma ha una valenza sociale e collettiva enorme. Lì dove il dolore dei parenti annichilisce, noi siamo siamo stati a ricordare la gravitĂ  estrema di un gesto così e ci siamo fatti portatori di una richiesta pubblica per una giusta riposta della giustizia. Il processo poi è stato molto veloce, è stato fatto un lavoro eccellente- ha concluso- con materiale probatorio accurato ed indagini chiuse in tempi rapidi e giusti, così come ci si aspetta che sia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Sondaggio Dire-Tecnè verso le Europee: FdI in testa e Meloni prima tra i leader

ROMA – Continua a calare la fiducia degli italiani nel governo Meloni. E’ quanto emerge da un sondaggio Dire-Tecnè con interviste effettuate tra l’11 e il 12 aprile.Il 53,6% degli elettori non ha fiducia nell’esecutivo, percentuale in salita dello 0,1% rispetto a una settimana fa. Aumenta però, seppur di poco, anche la percentuale di chi

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il 16 aprile all'AAMOD a Roma Roma, 13 apr. (askanews) – Verrà proiettato il 16 aprile alle 18 nella Sala Zavattini dell'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico il documentario di Sabrina Varani "Rwanda, Il Paese delle donne". Il documentario sarà introdotto dal presidente della Fondazione AAMOD Vincenzo Maria

Abi, a marzo -2,6% prestiti a famiglie e imprese rispetto a un anno fa

I dati dell'ultimo rapporto mensile dell'associazione bancaria Roma, 13 apr. (askanews) – Continua a marzo il calo dei prestiti delle banche a famiglie e imprese, un andamento, spiega l'ultimi rapporto Abi diffuso oggi "coerente con il rallentamento della crescita economica". A marzo i prestiti a imprese e famiglie sono scesi del 2,6% rispetto a un