Zaia: “Discoteche più sicure di spiagge e piazze, Governo le riapra a luglio”

VENEZIA – Le discoteche “sono più sicure delle piazze e delle spiagge. Il Governo le riapra a luglio”. È il nuovo appello lanciato oggi da Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, durante la consueta conferenza stampa nel mattino. Anche negli ultimi giorni “siamo stati tempestati di immagini di mega-assembramenti nelle piazze, nelle spiagge e in luoghi improbabili- sottolinea Zaia- la discoteca è l’unico luogo che permette di controllare questi assembramenti”. I gestori, inoltre, “sono disponibili a verificare gli ingressi con tamponi e green pass”. Quindi, incalza il presidente, “mi auguro una decisione del Governo da luglio, perchè stanno massacrando un intero settore economico. C’è un mondo dello spettacolo che è azzoppato: abbiamo riaperto i teatri, ci sono anche altri artisti che hanno lo stesso diritto di lavorare”.

LEGGI ANCHE: Covid, Speranza: “Mascherine all’aperto e discoteche? Ci guiderà la scienza”

Zaia invita quindi a mettersi “nei panni di un gestore in ginocchio e di tutto un mondo che lavorava nelle discoteche, che oggi sono dimenticati, e non ultimi i turisti. E poi vediamo cosa accade nelle piazze: quelle immagini ci dicono che in discoteca sono più sicuri, perchè c’è più controllo”. Quindi, insiste Zaia, “hanno ragione quelli che lavorano nel mondo della notte, il mio appello è che il Governo ci metta mano subito. Facciamo in modo di aprire le discoteche prima che siano morte del tutto. Lo so che non fa audience, ma bisogna uscire da questo retaggio culturale per cui le discoteche sono luoghi del malaffare”. La riapertura delle discoteche, tra l’altro, “a cascata riguarda anche i centri anziani”, segnala Zaia, dove “tra vaccinati i contatti dovrebbero essere sicuri”. 

IN VENETO AD OGGI NESSUN PERICOLO DA VARIANTE DELTA

La variante delta – avverte Zaia – “sembra sia più aggressiva con bassa carica virale, ma ad oggi non c’è pericolo in Veneto. Abbiamo isolato il focolaio in provincia di Treviso, ma nulla più. Siamo tra le Regioni che sequenziano di più”. Il governatore del Veneto prova così a tranquillizzare i suoi concittadini, facendo il punto oggi sulla situazione Covid nella sua regione. Ad oggi “gli indicatori sono tutti incoraggianti- assicura Zaia- ci stiamo preparando con l’artiglieria pesante per l’autunno, perchè se servisse ci aiuterà. Ma lo scenario sarà diverso, perchè avremo i vaccinati. L’eventuale quarta ondata in autunno, se mai ci sarà, spero che la riusciremo a gestire in virtù delle vaccinazioni. Quindi diffidate di chi fa proiezioni di devastazione totale o di liberazione totale”, avverte il presidente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Pd: “Sciogliere Nato? Tarquinio indipendente, posizioni su esteri le esprime partito”

(Adnkronos) - "Com’è noto, Marco Tarquinio è un candidato indipendente, le posizioni sulla politica estera e di sicurezza del Pd le esprime il Pd. E sono chiare e note. Le abbiamo ribadite nel programma per le Europee e, a chi vuole strumentalizzare, ricordo che la questione della Nato la sinistra italiana l’ha risolta con Berlinguer

Caivano e gli insulti in politica, dai “cogli..ni” che votano a sinistra alla “str..nza”

(Adnkronos) - Vincenzo De Luca che in privato dà della "str..nza" a Giorgia Meloni, e Giorgia Meloni che nel contesto più pubblico, che ci sia, glielo ripresenta come una peperonata si ripresenta il giorno dopo. Il turpiloquio in politica esiste da sempre, esistono vari libri che mettono in fila gli insulti dei grandi della Storia

Stop senatori a vita, da Palazzo Madama via libera all’art.1 del ddl Casellati

(Adnkronos) - Via libera in Senato all'art.1 del ddl Casellati. A favore dell'articolo che sopprime l'istituto dei senatori a vita si sono registrati 94 voti. L'Art. 1 del ddl Casellati, appena approvato dall'Aula del Senato, recita 'Il secondo comma dell’articolo 59 della Costituzione è abrogato'. Nel merito, quindi, viene cassata la seguente norma: "Il Presidente della