Dieci anni fa la strage di Utoya, la premier norvegese: “Superare l’odio”

ROMA – “L’odio non può essere lasciato senza risposta”. Così ha dichiarato la prima ministra della Norvegia, Erna Solberg, in occasione delle celebrazioni per commemorare il decimo anniversario della strage di Utoya. Il 22 luglio del 2011, l’estremista di destra cristiano Anders Behring Breivik compì un doppio attentato: intorno alle 15, fece prima esplodere un’autobomba di fronte al palazzo del governo, ad Oslo, nel quartiere centrale di Regjeringskvartalet. Due ore dopo, travestito da agente di polizia e munito di falsi documenti, Breivik sbarcò sulla piccola isola di Utoya dove aprì il fuoco sulla folla di giovani che stavano prendendo parte a un raduno organizzato dal Partito laburista norvegese (Auf). Il bilancio finale fu di 77 morti e oltre 300 feriti. Breivik è stato condannato a 21 anni di carcere.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it>

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Pd: “Sciogliere Nato? Tarquinio indipendente, posizioni su esteri le esprime partito”

(Adnkronos) - "Com’è noto, Marco Tarquinio è un candidato indipendente, le posizioni sulla politica estera e di sicurezza del Pd le esprime il Pd. E sono chiare e note. Le abbiamo ribadite nel programma per le Europee e, a chi vuole strumentalizzare, ricordo che la questione della Nato la sinistra italiana l’ha risolta con Berlinguer

Caivano e gli insulti in politica, dai “cogli..ni” che votano a sinistra alla “str..nza”

(Adnkronos) - Vincenzo De Luca che in privato dĂ  della "str..nza" a Giorgia Meloni, e Giorgia Meloni che nel contesto piĂą pubblico, che ci sia, glielo ripresenta come una peperonata si ripresenta il giorno dopo. Il turpiloquio in politica esiste da sempre, esistono vari libri che mettono in fila gli insulti dei grandi della Storia

Stop senatori a vita, da Palazzo Madama via libera all’art.1 del ddl Casellati

(Adnkronos) - Via libera in Senato all'art.1 del ddl Casellati. A favore dell'articolo che sopprime l'istituto dei senatori a vita si sono registrati 94 voti. L'Art. 1 del ddl Casellati, appena approvato dall'Aula del Senato, recita 'Il secondo comma dell’articolo 59 della Costituzione è abrogato'. Nel merito, quindi, viene cassata la seguente norma: "Il Presidente della