Letta: “Porto il Pd al congresso per un nuovo partito. Non mi ricandido”

ROMA – “Serve un congresso di profonda riflessione su cosa è e cosa deve essere il nuovo partito democratico. Serve un nuovo partito democratico di fronte a una destra che più destra non c’è mai stata”. Il segretario del Pd, nella conferenza stampa post voto, commenta il “risultato insoddisfacente” delle elezioni e annuncia: “Assicurerò la guida del Pd nelle prossime settimane in vista del congresso al quale non mi presenterò come candidato”.

IL LEADER DEM: SERVE CONVERGENZA CON OPPOSIZIONI

Enrico Letta ritiene che “una convergenza delle opposizioni è necessaria. Il fatto che non sia io a gestire questa fase sicuramente aiuterà. Servono generazioni nuove”, dice il leader dem. “Non c’è futuro in una logica di autosufficienza e isolamento. Chi lo pensasse, farebbe un errore e aiuterebbe la destra”. Poi, la stoccata a Conte: “Gli italiani e le italiane hanno scelto. Se siamo arrivati al governo Meloni è per via del fatto che Giuseppe Conte ha fatto cadere il governo Draghi”.

LETTA: BASTA REGALI ALLA DESTRA, RIPRENDERE RELAZIONI CON M5S

“Noi faremo un’opposizione dura e intransigente. La faremo con tutte le nostre forze”. E sulla necessità di ricucire con M5s afferma: “Sarebbe l’ultimo regalo a questa destra se ci fossero opposizioni che vanno ognuna in ordine sparso. Io mi sento di dire che è molto importante che si riprendano le fila di relazioni per fare un’opposizione efficace e non che ognuno vada per conto suo”.

LETTA: MASSIMA CAPACITA’ INCLUSIVA CON ALLEATI A INIZIARE DA REGIONALI

“Mi sono trovato per certi versi da solo a dialogare” con gli alleati. “Ma non ho dubbi che sia per fare l’opposizione, che per costruire l’alternativa, a cominciare dalle regionali e amministrative, bisogna andare a quegli appuntamenti con la massima capacità inclusiva”, spiega Letta che mette all’indice il “fuoco amico” di Azione. “La candidatura di Calenda nel collegio di Emma Bonino ha finito per aiutare l’elezione della candidata di destra”, afferma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Israele, c’è l’accordo sulla tregua? Gli Usa dicono di sì “ma ora aspettiamo Hamas”

(Adnkronos) - Israele ha "praticamente accettato" una proposta di tregua di sei settimane a Gaza, c'è "una cornice di accordo" che Israele ha "più o meno accettato". Una seconda fase dell'intesa "per costruire qualcosa di più durevole" potrà essere concordata durante la tregua. Lo ha detto ai giornalisti un alto funzionario dell'amministrazione Biden, secondo quanto

Gaza, caos aiuti umanitari. Cnn: “Beni respinti da Israele in maniera arbitraria”

(Adnkronos) - Le autorità israeliane ostacolano l'invio di aiuti umanitari a Gaza con criteri "arbitrari e contraddittori". Lo afferma la Cnn, dopo aver sentito oltre una ventina di operatori umanitari. Fra i beni respinti dal Cogat, l'ente israeliano di coordinamento per i territori palestinesi, responsabile per il passaggio degli aiuti, figurano anestetici e macchine per

Valencia-Real Madrid 2-2, gol fantasma allo scadere e polemiche

(Adnkronos) - Il Real Madrid pareggia 2-2 sul campo del Valencia nel match della 27esima giornata della Liga. I blancos vanno a segno con Vinicius (50’ e 76’) e rimontano dopo i gol di Hugo Duro (27’) e Yaremchuk (30’). La sfida si infiamma allo scadere. Il Real Madrid batte l’ultimo corner alla fine del