Al via attività di formazione al centro Operation Smile di Milano

A giugno il primo slot per due specialisti provenienti dall’India
Milano, 20 giu. (askanews) – Entra nella fase operativa il progetto formativo del Centro di Cura italiano di Operation Smile, l’Organizzazione non-profit specializzata nella chirurgia e nella cura delle labiopalatoschisi. Il progetto, rivolto a medici e altri operatori sanitari volontari provenienti da Paesi a basso e medio reddito, inizierà il 21 giugno e terminerà il primo slot il 7 luglio 2023: durante le due settimane, il Centro, situato presso l’Ospedale San Paolo, ospiterà il dottor Soumalya Das, ortodontista e il dottor Sayan Mandal, logopedista, entrambi provenienti dal Durgapur Cleft Center, in India. Questa attività formativa aiuterà Operation Smile India a sviluppare il programma di odontoiatria e logopedia presso il Centro dedicato alle labiopalatoschisi di Durgapur.
“Siamo entusiasti dell’avvio di questo progetto – dice Federica Tedeschi, Direttore Generale della Fondazione Operation Smile Italia ETS – Siamo pronti ad accogliere i medici e gli operatori sanitari volontari di Operation Smile e a renderli partecipi del modello italiano, che vanta un’alta specializzazione nella cura delle malformazioni del volto e un’esperienza ultraventennale già come Centro Regionale per le labiopalatoschisi. Molti Paesi affrontano una carenza critica di personale medico qualificato. La formazione di medici provenienti dai Paesi a basso e medio reddito in Italia può aiutare a colmare questa lacuna, fornendo loro l’opportunità di acquisire competenze specialistiche ed esperienze che possono essere applicate nei loro Paesi di origine. Ciò può contribuire a migliorare l’accesso alle cure mediche e ridurre l’impatto della mancanza di personale sanitario”.
L’intero team italiano – guidato dal dott. Luca Autelitano, Coordinatore Clinico, dalla dott.ssa Costanza Meazzini, Coordinatore Scientifico, e dalla dott.ssa Angela Rezzonico, Coordinatore della logopedia – sarà coinvolto nella formazione dei due volontari: il dottor Soumalya Das e il dottor Sayan Mandal, infatti, assisteranno agli ambulatori multidisciplinari, alle presentazioni e ai corsi tenuti dai diversi specialisti del team, in ottica multidisciplinare, con l’obiettivo di seguire il lavoro di equipe nel trattamento dei casi.
“Il team del Centro di Cura di Milano lavora proprio come una grande famiglia – afferma Abhishek Sengupta, Regional Director for India, Russia and Italy, che ha avuto modo di visitare il Centro di Milano prima dell’avvio del progetto – Tutti sono ben consapevoli dei propri ruoli e delle proprie responsabilità individuali, i reparti sono in grado di comunicare tra loro facilmente e insieme condividono un unico obiettivo: fornire un’assistenza di alta qualità incentrata sui pazienti e sulle loro famiglie”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Pd: “Sciogliere Nato? Tarquinio indipendente, posizioni su esteri le esprime partito”

(Adnkronos) - "Com’è noto, Marco Tarquinio è un candidato indipendente, le posizioni sulla politica estera e di sicurezza del Pd le esprime il Pd. E sono chiare e note. Le abbiamo ribadite nel programma per le Europee e, a chi vuole strumentalizzare, ricordo che la questione della Nato la sinistra italiana l’ha risolta con Berlinguer

Caivano e gli insulti in politica, dai “cogli..ni” che votano a sinistra alla “str..nza”

(Adnkronos) - Vincenzo De Luca che in privato dà della "str..nza" a Giorgia Meloni, e Giorgia Meloni che nel contesto più pubblico, che ci sia, glielo ripresenta come una peperonata si ripresenta il giorno dopo. Il turpiloquio in politica esiste da sempre, esistono vari libri che mettono in fila gli insulti dei grandi della Storia

Stop senatori a vita, da Palazzo Madama via libera all’art.1 del ddl Casellati

(Adnkronos) - Via libera in Senato all'art.1 del ddl Casellati. A favore dell'articolo che sopprime l'istituto dei senatori a vita si sono registrati 94 voti. L'Art. 1 del ddl Casellati, appena approvato dall'Aula del Senato, recita 'Il secondo comma dell’articolo 59 della Costituzione è abrogato'. Nel merito, quindi, viene cassata la seguente norma: "Il Presidente della