Bene export ortofrutta I trim. 2023: volumi +6,5% e valore +10,7%

Per ortaggi, legumi e agrumi crescita a doppia cifra in valore
Roma, 14 giu. (askanews) – Export in decisa ripresa per l’ortofrutta italiano nel primo trimestre 2023. In un quadro che vede i volumi segnare un +6,5% ed i valori in crescita del 10,7% rispetto allo stesso periodo del 2022, spiccano le performance in valore di ortaggi e legumi (+20,8%) e agrumi (+15,6%). Bene anche la frutta fresca (+4%, mentre per la frutta secca non ci sono segnali incoraggianti. Sono i dati resi noti da Fruitimprese.
Il saldo positivo della bilancia commerciale (354,4 milioni di euro) è circa il doppio di quello del 2022 e quasi si azzera il divario tra le quantità esportate e quelle importate che calano visibilmente (-3,9%), in declino anche il valore importato (-1,8%).
L’export dei nostri prodotti principali segna numeri sostanzialmente costanti per le mele (+1,56% in valore), i kiwi vedono aumentare le quantitĂ  (+15,81%) ma non nella stessa misura i valori (+2,1%), esattamente in controtendenza le arance che segnano un ottimo +13,69% in valore a fronte di quantitĂ  esportate quasi identiche a quelle del 2022.
Capitolo a parte per le pere, con segni molto positivi (+101,88% in quantitĂ , +61,52% in valore), ma a confronto con un’annata disastrosa come quella del 2021. I numeri del primo trimestre 2023 ricalcano quasi esattamente quelli del 2020, mentre sono molto peggiori di quelli del 2021 quando esportavamo 35.000 tons per un valore di 47 milioni di euro.
Molto bene le esportazioni di limoni (+18,4% in volume, + 20,71% in valore), come quelle dei mandarini e delle clementine (+7,35% le quantitĂ , +17,79% i valori) a conferma di un primo trimestre sugli scudi per i nostri agrumi che segnano anche un calo significativo delle quantitĂ  importate (-12,6%).
Segnali non incoraggianti, invece, dal comparto frutta secca che aumenta i volumi (+10,8%) ma vede ridurre i valori in esportazione (-14,2%), calano visibilmente anche le importazioni (-19,3% in volume, -16,5% in valore), segnali di un mercato che in Europa si sta contraendo a causa dell’inflazione e delle difficoltĂ  economiche delle famiglie che tagliano le spese ritenute, a torto, meno necessarie, viste le comprovate qualitĂ  benefiche di questi prodotti.
Indicazioni simili dall’import della frutta tropicale che cala vistosamente in volume (-10,1%) ma mantiene alti i valori (+2,2%) seguendo un trend avviato lo scorso anno che risente molto dell’impennata dei costi e dell’inflazione.
Le banane confermano il trend generale della frutta tropicale con volumi in calo e valori in leggera crescita, senza scossoni l’import di ananas.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Domenica il Giro d’Italia arriva a Roma: il percorso e le strade chiuse

ROMA – Domenica 26 maggio il Giro d’Italia arriverà a Roma. La partenza della tappa è prevista alle 15.30 dall’Eur. L’arrivo sarà in via di San Gregorio. Il percorso toccherà viale Pasteur, viale dell’Astronomia, viale Beethoven, viale Europa, piazzale XXV Marzo, via Cristoforo Colombo, piazzale Cristoforo Colombo (Ostia), lungomare Lutazio Catulo, lungomare Duilio, via Cristoforo

Inchiesta Liguria, Toti: “Spinelli? Prova sempre a chiederti qualcosa”

GENOVA – Rispondendo alle quasi 200 domande che gli hanno fatto gli inquirenti, Giovanni Toti, presidente sospeso della Liguria, ha parlato anche dei suoi rapporti con l’imprenditore Aldo Spinelli, ammettendo innanzitutto di aver frequentato “parecchie volte” la barca attraccata alla fiera, di cui il proprietario si serviva per incontrare persone. Passando invece ai presunti favori

Miccichè: “L’auto blu per il gatto? Stava malissimo ed è morto”

(Adnkronos) - "Non ho fatto un uso illegittimo dell'auto blu. Ne sono convinto. Se poi mi contestano il fatto di avere fatto accompagnare il mio gatto dal veterinario perché stava malissimo, allora sono disposto ad andare in carcere. Il mio gatto viveva in simbiosi con me, Quando stava male mia figlia mi disse di mandarle