Cybersecurity, Ludoteca-Cnr: più di 1 bambino su 2 ha profilo social

“Ma conoscenze insufficienti”
Roma, 7 giu. (askanews) – Oltre un bambino di quinta elementare su due ha uno o piĂą profili sui social network e soltanto la metĂ  possiede un profilo di tipo privato. Se si considerano i ragazzi di prima media il 63,4 per cento ha almeno un account social e meno di un terzo lo ha impostato sulla modalitĂ  privata, ma le competenze possedute dai giovani internauti in termini di conoscenza del mezzo e di cyber sicurezza sono in media insufficienti. E’ quanto emerge dalla ricerca effettuata su un campione di 438 studenti dell’ultimo anno delle scuole elementari e del primo delle medie inferiori della Toscana da parte di Ludoteca, il ramo del Registro.it (l’anagrafe dei domini a targa italiana gestito dall’Istituto di Informatica e Telematica del Consiglio Nazionale delle Ricerche) che si occupa di educazione digitale e sicurezza informatica rivolta a giovani, genitori e insegnanti.
Dai dati raccolti nell’anno scolastico 2022/2023 si evidenzia che escludendo le lezioni online, il 32,7% dei partecipanti trascorre online almeno 3-4 ore al giorno, il 9,7% dichiara di trascorrere online almeno 5-10 ore e il 4,7% di essere sempre connesso. Il principale uso è quello di WhatsApp seguita dall’applicazione Discord.
PiĂą della metĂ  del campione (circa il 60%) gioca ai videogame tra una e 4 ore al giorno. Il 58,3% dei bambini di scuola primaria possiede uno smartphone, e il 25% ha un profilo su almeno un social network (SNS). Tra loro, solo il 12% ha un profilo privato. Per quanto riguarda i ragazzi delle scuole secondarie, il 63,4% ha almeno un SNS, e tra questi, solo il 28% ha un profilo privato.
Il progetto, condotto da Ludoteca in collaborazione con il Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia (FORLILPSI) dell’UniversitĂ  di Firenze, ha lo scopo di indagare l’utilizzo di Internet da parte delle nuove generazioni e di capire se l’intervento formativo dei laboratori, basati sul videogioco ‘Nabbovaldo e il ricatto dal cyberspazio’, è efficace nell’accrescere le conoscenze dei ragazzi.
Dal progetto, curato da Ludoteca, emerge poi che le conoscenze e le competenze iniziali di cyber security dei ragazzi si collocano a un livello insufficiente. “In 12 anni di attivitĂ  la Ludoteca ha incontrato oltre 15mila studenti con l’obiettivo di diffondere la cultura di internet tra le giovani generazioni – commenta Anna Vaccarelli, Responsabile Relazioni Esterne del Registro.it e della Ludoteca – Anche nel corso dei laboratori di quest’anno, giocando, gli studenti sono riusciti a imparare termini che non conoscevano e come proteggersi da alcune minacce online ed è per noi una grande soddisfazione poter contribuire attivamente alla preparazione dei nostri giovani sul tema della cybersecurity”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ucraina, si aggrava bilancio raid Russia su ipermercato Kharkiv: 11 morti

(Adnkronos) - Si aggrava il bilancio del raid della Russia sferrato su un ipermercato di Kharkiv, nel nordest dell'Ucraina, con il governatore della regione Oleh Syniehubov che ha annunciato che salgono a 11 le vittime, mentre sarebbero almeno 40 i feriti. Ieri la Russia aveva attaccato lo store affermando che l'Ucraina aveva nascosto un deposito di

India, incendio in ospedale pediatrico: sei neonati morti e 5 feriti

(Adnkronos) - Sei neonati hanno perso la vita in un tragico incendio presso il New Born Baby Care Hospital di Vivek Vihar a Delhi. Il ministro della Sanità Saurabh Bharadwaj ha assicurato che sul caso verranno presi provvedimenti rigorosi.  Secondo le autorità, 12 bambini sono stati salvati dal luogo dell'incidente, dove uno era già morto

L’Università di Firenze al top della ricerca biomedica al femminile

Sono 9 le studiose Unifi fra le 98 Top Italian Women Scientist 2024 Roma, 26 mag. (askanews) – Sono dell'Ateneo fiorentino 9 delle 98 ricercatrici inserite quest'anno nel "Top Italian Women Scientists (TIWS)", il Club, nato nel 2016 per iniziativa di Fondazione Onda, che riunisce le ricercatrici italiane altamente citate in campo biomedico. L'anno scorso