Fumo dal Canada, la governatrice di New York: “Restate in casa e usate le mascherine”

ROMA – A New York "è emergenza e consiglio ai cittadini di restare in casa o indossare le mascherine per proteggersi dall’aria inquinata": lo ha detto la governatrice Kathy Hochul, governatrice dello Stato di New York, dopo che la Grande mela – insieme al nord-est degli Stati Uniti – è stata investita da una nube tossica di fumo e cenere causata dagli incendi in Canada. Stando a quanto rilancia La Voce di New York, Hochul ha aggiunto: "Adesso il modo migliore per proteggersi è rimanere in casa. Consiglio vivamente di rimandare o cancellare le attività all’aperto in attesa di condizioni più sicure".

LEGGI ANCHE: Fumo e cenere dal Canada, ecco cosa sta succedendo a New York

USA, UN MILIONE DI MASCHERINE PER LA POPOLAZIONE

La governatrice ha fatto sapere di aver ricevuto aggiornamenti peggiori del previsto: "Dobbiamo prepararci a una situazione che durerà a lungo" ha continuato, spiegando come inizialmente si sperava che la cattiva qualità dell’aria causata dal fumo sprigionato dai massicci incendi nel vicino Canada potesse tornare a livelli normali entro domani. Gli scienziati invece stimano che per tornare a respirare aria pulita, serviranno vari giorni. Per questo la governatrice ha suggerito di indossare dispositivi N95 per proteggersi dall’inquinamento atmosferico, e che verranno messe a disposizione della popolazione un milione di mascherine, che saranno distribuite nelle stazioni della metropolitana, nei parchi e alle amministrazioni locali.

PER GLI AMBIENTALISTI LA COLPA È DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, respirare il fumo degli incendi può causare un immediato mal di testa, dovuto dal fatto che le particelle presenti nell’aria sono in grado di alterare la sensibilità di alcuni neuroni. I gruppi ambientalisti sostengono che gli incendi siano causati dal cambiamento climatico e propongono, come soluzioni parziali, una serie di leggi in materia ambientale attualmente in esame in alcune commissioni della capitale, tra cui un “superfondo” che obbliga le aziende responsabili delle emissioni a pagare miliardi di dollari per mitigare l’inquinamento. Hochul ha concluso: "Viviamo nell’era del clima estremo. La scorsa estate, New York ha sperimentato condizioni di grande siccità e ha visto lo scoppio di numerosi incendi. Pur continuando a lottare contro il cambiamento climatico, dobbiamo riconoscere che questa è una nuova realtà a cui dobbiamo essere preparati”.
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Oncologo Pastorino: “Con Rete screening polmone 90 diagnosi precoci in 1 anno”

(Adnkronos) - "Grazie al programma della Rete italiana di screening polmonare (Risp) in un anno abbiamo diagnosticato piĂš di 90 tumori polmonari, di cui la maggioranza in primo stadio con una resecabilitĂ  che si avvicina all'80%". Lo ha detto Ugo Pastorino, direttore della Sc Chirurgia toracica dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano e responsabile del

Zambito (Pd): “Importante finanziare progetti di screening come il Risp”

(Adnkronos) - "Il ministero e la Commissione hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione perché devono fare in modo che i progetti di screening, che sono molto importanti e hanno riscosso molto successo arruolando molte persone, in Italia siano finanziati, manutenuti e implementati nel futuro”. Lo ha detto la senatrice del Pd Ylenia Zambito, segretaria della

Gemmato: “Mille Case comunitĂ  per prevenzione e screening polmonare”

(Adnkronos) - "Oggi stiamo attrezzando mille Case della comunità all'interno delle quali possiamo insediare dei centri di prevenzione primaria e secondaria per screenare i soggetti particolarmente predisposti per un tumore polmonare e, quindi, prenderli in carico con l'idea che oggi il tumore è una patologia che si può combattere e sconfiggere". Lo ha detto Marcello