Hanine, nata durante il sisma in Siria grazie all’ong Avsi: “Prioritario ridare futuro”

ROMA – “In Siria quel giorno la prima scossa arrivò all’alba. Il mio primo pensiero sono stati i miei figli, li ho presi e siamo usciti di casa ma mentre scendevo le scale si sono rotte le acque. I miei vicini mi hanno aiutato a raggiungere la strada mentre vedevo la gente gridare e gli edifici crollare. Ho partorito nella scuola, trasformata in centro per sfollati”. Wafaa è un’abitante di Aleppo ed era all’ottavo mese di gravidanza quando il 6 febbraio scorso, un devastante terremoto con epicentro in Turchia ha investito anche il nord-ovest della Siria, un Paese già devastato da 12 anni di guerra, causando migliaia di morti e nuovi sfollati.

Hanine, la bambina che Wafaa ha dato alla luce mentre tutto cadeva intorno a lei, ha potuto contare sul sostegno immediato della Fondazione Avsi. “Sono arrivato ad Aleppo il 6 febbraio stesso per individuare i bisogni immediati della popolazione” ricorda con l’agenzia Dire Filippo Agostino, rappresentante paese di Avsi in Siria, ong italiana che è al fianco della popolazione dal 2015. “Aleppo in questi anni figura tra le città più colpite dagli intensi combattimenti”, continua il responsabile, “quindi il sisma ha fatto crollare edifici già lesionati o gli ultimi risparmiati dalle bombe. Ma non abbiamo voluto portare brandine e coperte: siamo convinti che per restituire una vita normale, sia necessario andare oltre l’emergenza, con interventi che guardano al futuro e storie come quelle di Wafaa e Hanina servono a ridare senso alla speranza”.

Foto di Aldo Gianfrante / AVSI

TORNARE A UNA VITA NORMALE

Un esempio di tale approccio è il progetto ‘Ospedali aperti’, promosso dalla nunziatura apostolica a Damasco insieme a Cor Unum e Fondazione Gemelli, per garantire cure gratuite ai pazienti poveri in tre ospedali, due a Damasco e uno ad Aleppo. Oltre a riabilitare il corpo, Avsi lavora anche per l’istruzione dei giovani e per garantire l’accesso al lavoro per i disabili. “Dopo 12 anni di guerra su 22 milioni di persone, 15 milioni hanno bisogno di aiuto umanitario e 3 milioni di aiuto urgente” continua Agostino. “Ben 2 milioni di bambini non vanno a scuola. Gli effetti sull’economia globale della pandemia prima e della crisi in Libano e Ucraina poi hanno determinato inflazione al 90% e ulteriore povertà”.

Foto di Aldo Gianfrante / AVSI

Pesano sulla popolazione anche le sanzioni internazionali, scattate poiché il governo guidato dal presidente Bashar Al-Assad ha rivolto il suo esercito anche contro i civili. A ciò si aggiungono “vedove e donne sono sole con figli” dice Agostino. Madri come Wafaa, che periodicamente “ricevono pacchi alimentari e quote in denaro, così come stabilito dall’Onu. Dal sisma abbiamo sostenuto 8mila persone. Ma ciò di cui i siriani hanno più bisogno è la dignità. Purtroppo, il mondo si sta dimenticando di loro”.

L’APPELLO ALL’UE: PIÙ FONDI E BASTA SANZIONI

Per questo Avsi con altre ong si è fatta portavoce di un appello all’Ue, che dal 15 al 16 giugno ospita a Bruxelles una conferenza sul Futuro della Siria, in cui si decideranno gli stanziamenti per il prossimo anno: “Abbiamo chiesto più fondi– informa Agostino- e di mantenere la deroga alle sanzioni, applicata dopo il sisma, per garantire l’accesso agli aiuti umanitari”.

Leggi anche: La denuncia: “Il governo siriano blocca gli aiuti umanitari per le popolazioni colpite dal sisma”

Superate le 21 mila vittime del terremoto tra Turchia e Siria: Assad ad Aleppo

L’articolo Hanine, nata durante il sisma in Siria grazie all’ong Avsi: “Prioritario ridare futuro” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Morte Onorato, la denuncia della figlia sui social: “Mio padre è stato ammazzato”

di Salvo Cataldo e Sausan Khalil ROMA – L’eurodeputata Francesca Donato è stata ascoltata fino alla tarda serata di ieri dagli investigatori della squadra mobile di Palermo che indagano sulla morte del marito, Angelo Onorato, trovato senza vita all’interno della sua Range Rover verde petrolio su una bretella laterale dell’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo. Con

Ucraina, si aggrava bilancio raid Russia su ipermercato Kharkiv: 11 morti

(Adnkronos) - Si aggrava il bilancio del raid della Russia sferrato su un ipermercato di Kharkiv, nel nordest dell'Ucraina, con il governatore della regione Oleh Syniehubov che ha annunciato che salgono a 11 le vittime, mentre sarebbero almeno 40 i feriti. Ieri la Russia aveva attaccato lo store affermando che l'Ucraina aveva nascosto un deposito di

India, incendio in ospedale pediatrico: sei neonati morti e 5 feriti

(Adnkronos) - Sei neonati hanno perso la vita in un tragico incendio presso il New Born Baby Care Hospital di Vivek Vihar a Delhi. Il ministro della Sanità Saurabh Bharadwaj ha assicurato che sul caso verranno presi provvedimenti rigorosi.  Secondo le autorità, 12 bambini sono stati salvati dal luogo dell'incidente, dove uno era già morto