Il futuro di Forza Italia? “La famiglia Berlusconi sarà presente nel partito”: parola di Barelli

ROMA – Paolo Barelli, capogruppo alla Camera di Forza Italia, è stato ospite di Non Stop News per raccontare la commozione legata alla scomparsa di Silvio Berlusconi e il futuro di Forza Italia: “Reazioni commosse da parte di tanti cittadini, non solo da parte dei militanti di Forza Italia. C’è un genuino senso di partecipazione e una grande commozione alla venuta meno di questo grande uomo, lo si avverte non solo ad Arcore ma in tutta Italia. La mobilitazione dei media, anche di quelli che lo hanno sempre contestato, dimostra che è venuto a mancare un uomo eccezionale. Come comprensibile che sia, la famiglia Berlusconi è avvolta da un profondo dolore, ma con anche la certezza di aver vissuto con un padre, compagno e amico eccezionale, che resterà nella storia del Paese. Di persone così ne nasce una ogni secolo. Questo è ciò che ho visto e toccato con mano”.

LEGGI ANCHE: “Grazie papà. Vivrai sempre dentro di noi”: il messaggio dei figli di Berlusconi

Sul futuro di Forza Italia e le voci che vedono la figlia Marina come prossimo esponente di rilievo del partito, Barelli afferma: “L’intera famiglia Berlusconi, a partire dai figli, ha un ruolo nelle attività imprenditoriali che hanno caratterizzato l’impegno di Silvio Berlusconi. Da parte loro c’è la volontà di portare avanti questa missione, non solo per dovere nei confronti del padre, ma proprio perché c’è grande convinzione e volontà che Forza Italia vada avanti. Non so se sarà Marina Berlusconi ad esporsi nel partito, l’argomento non è stato ancora toccato. Ciò che so è che, col cuore, la famiglia sarà presente nel partito. Poi, valuteranno loro il modo appropriato per abbracciare questa volontà. Certamente, da parte loro, c’è grande affetto verso coloro che, a fianco del loro papà, hanno portato avanti il progetto politico di Berlusconi”.

LEGGI ANCHE: I funerali di Stato di Silvio Berlusconi al Duomo di Milano

Infine, Paolo Barelli, commenta le polemiche di questi giorni sulla decisione di dichiarare lutto nazionale e lo stop ai lavori di Camera e Senato: “In questi giorni ho ricevuto affetto da parte di personalità politiche di ogni schieramento. Non mi risulta che nei giorni scorsi i capigruppo dei partiti all’opposizione si siano lamentanti. Anzi, c’è stata grande commozione, partecipazione e volontà di sospendere i lavori. Poi, se ci sono voci fuori dal coro e si vuole portare avanti una polemica inesistente, lo si faccia. Io ritengo che siamo di fronte ad un personaggio la cui grandezza la comprendiamo solo ora”.

L’articolo Il futuro di Forza Italia? “La famiglia Berlusconi sarà presente nel partito”: parola di Barelli proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Miccichè: “L’auto blu per il gatto? Stava malissimo ed è morto”

(Adnkronos) - "Non ho fatto un uso illegittimo dell'auto blu. Ne sono convinto. Se poi mi contestano il fatto di avere fatto accompagnare il mio gatto dal veterinario perché stava malissimo, allora sono disposto ad andare in carcere. Il mio gatto viveva in simbiosi con me, Quando stava male mia figlia mi disse di mandarle

Decaro e il video virale, quando la comunicazione politica funziona

(Adnkronos) - Un video può diventare più efficace di tanti comizi. Succede, come nel caso di Antonio Decaro e del suo post su TikTok per le elezioni europee diventato rapidamente virale, quando la comunicazione politica riesce a rispondere a una domanda semplice: come posso far capire a più persone possibile quello che voglio dire? Nel

Europee, da riforme a lavoro: a Trento il duello (mancato) tra Meloni e Schlein

(Adnkronos) - Il duello mancato in tv oggi si è riproposto come sfida a distanza al Festival dell'Economia di Trento dove Giorgia Meloni ed Elly Schlein si sono alternate, a stretto giro nel pomeriggio, sul palco della manifestazione. La forma è meno intensa e 'spettacolare' rispetto a quella del faccia a faccia, ma il botta