Il padre di ‘Kata’ a Chi l’ha visto: “Chi l’ha presa ha pianificato tutto”

FIRENZE – Ha chiesto aiuto per ritrovare la sua bambina e si è detto convinto che i suoi problemi non siano legati alla sparizione della bambina, così come non c’entrino nemmeno i problemi legati alle stanze: rapire una bambina è che ai suoi occhi un gesto sproporzionato rispetto a dei litigi sulle stanze all’ex hotel Astor di Firenze, l’edificio occupato in cui la famiglia vive. Così ha parlato, ieri sera intervistato da Chi l’ha visto, Miguel Angel Romero, il padre di Kata, la bimba scomparsa a Firenze.

L’uomo è uscito ieri dal carcere di Sollicciano dopo che la custodia cautelare è stata ridotta all’obbligo di firma. “Aiutatemi a cercare la mia bambina in qualsiasi modo, chiamandoci, facendoci sapere qualcosa”, dando “una speranza. Sono già passati cinque giorni e non so niente, nulla. La polizia, i Carabinieri non ci dicono nulla“. E ancora: “I miei problemi qua? Non penso sia questa cosa”, risponde alle domande. “Non posso credere che, per un problema semplice, portino via una bambina“.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Bimba scomparsa a Firenze, una occupante dell’ex Astor: “Lite per le stanze, la famiglia sa”

LEGGI ANCHE: VIDEO | Bimba scomparsa a Firenze, investigatore privato: “Gli occupanti collaborino”

LEGGI ANCHE: Una nuova fiaccolata per la bimba scomparsa a Firenze, la mamma: “Perdonami se ho pensato di arrendermi”

“L’AFFITTO? L’ABBIAMO PAGATO SOLO UNA VOLTA”

All’ex Astor, spiega il padre di Kata, “abbiamo comprato questa stanza e siamo stati qui. Poi abbiamo comprato una stanza “per i miei genitori e per mio cognato”. Tre in tutto. Ma pagate l’affitto? “No, abbiamo pagato solo una volta. Hanno fatto un rapimento, non so, per estorsione? Davvero, non lo so”.

“CHI L’HA PRESA HA PIANIFICATO TUTTO”

Vi hanno chiesto dei soldi, c’è stata una richiesta di riscatto? “No. L’ho detto a tutti: faccio tutto il possibile per aiutare i Carabinieri”, anche perché chi l’ha presa “ha pianificato tutto“, visto che sono diverse le vie di fuga, dice, anche se non ha dei sospetti su una persona in particolare.

LA MAMMA: “NON IMPORTA IL MOTIVO, LASCIATELA DOVE VOLETE”

Interviene anche la mamma, che lancia un nuovo appello: “Non importa il motivo, il perché abbiano preso mia figlia, ma lasciatela andare. Dove volete voi, in un parco, in una chiesa. Sono cinque giorni che non la vedo, non la sento, per favore lasciatela andare. Vi prego”, dice piangendo, dopo che oggi ha avuto un altro malore e che, durante la diretta, si sia allontanata perché molto provata.

LEGGI ANCHE: Bimba scomparsa a Firenze, il padre esce dal carcere e spunta un (falso) testimone

L’articolo Il padre di ‘Kata’ a Chi l’ha visto: “Chi l’ha presa ha pianificato tutto” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

“Sciogliamo la Nato”, Tarquinio diventa un caso

(Adnkronos) - "Sciogliamo la Nato". Le parole di Marco Tarquinio, ex-direttore dell'Avvenire e candidato Pd alle elezioni europee 2024 nella circoscrizione Centro, diventano un caso. Matteo Renzi e Carlo Calenda montano subito la polemica, ma è gelo anche tra i dem. La campagna elettorale impone il silenziatore ai malumori interni ma i commenti che girano

Kafd Globe Soccer Awards, Sardegna pronta per le stelle mondiali, Bellingham e Mbappè in corsa

(Adnkronos) - Dopo sei giorni di intense votazioni da parte dei tifosi, la lista dei candidati per il premio di Best Men’s Player si sfoltisce arrivando a soli 12 finalisti. Tra questi si annoverano alcuni candidati alla Champions League, Jude Bellingham e Vinicius Jr, la superstar francese Kylian Mbappé, l'icona del Liverpool FC Mohamed Salah

Sanità, Marino (Unindustria): “No a sostituzione strutture diagnostiche con farmacie”

(Adnkronos) - "Le farmacie giocano un ruolo cruciale nel nostro sistema sanitario, ma questo ruolo deve essere complementare, e non sostitutivo, delle strutture diagnostiche specializzate". Così Luca Marino, vicepresidente Unindustria con delega alla sanità, intervenendo alla Seconda Assemblea nazionale dell'Associazione imprese sanitarie indipendenti (Aisi), in corso a Roma. "Affidare l'esecuzione di test di laboratorio alle farmacie