La morte di Silvio Berlusconi sui media mondiali

Tra luci e ombre
Roma, 12 giu. (askanews) – La notizia del decesso di Berlusconi è stato da subito in grande evidenza sui siti dei principali giornali e organi di informazione mondiali. La BBC ha dato conto quasi in tempo reale del decesso di Berlusconi. ‘Silvio Berlusconi, l’ex primo ministro italiano che si è ripreso da scandali sessuali e accuse di corruzione, muore a 86 anni dice l’emittente britannica. ‘È morto all’ospedale San Raffaele di Milano, riportano i media italiani. Spumeggiante magnate dei media miliardario, Berlusconi è entrato in carica per la prima volta nel 1994 e ha guidato quattro governi fino al 2011. ‘L’ex premier italiano Silvio Berlusconi, il magnate dei media diventato un populista d’avanguardia, è morto all’età di 86 anni pochi mesi dopo che era stato rivelato che stava combattendo contro la leucemia: è quanto scrive il FINANCIAL TIMES.
Per il quotidiano della City di Londra, ‘la sua morte segna la fine di una controversa carriera politica, durante la quale il magnate ha trasformato la politica italiana, con il suo partito Forza Italia incentrato sulla personalità, costruito utilizzando la sua ricchezza, il marketing moderno e l’apparato del suo vasto impero dell’intrattenimento.
Il Ft ricorda quindi che Berlusconi è stato ‘il primo ministro più longevo del dopoguerra’, guidando l’Italia per circa nove anni ‘tra indagini penali sui suoi affari e scandali sessuali’. E ‘nonostante gli anni, le molteplici battaglie legali e i ricorrenti problemi di salute, Berlusconi è rimasto politicamente attivo – e ambizioso – fino alla fine della sua vita’, ha rimarcato il quotidiano inglese, ricordando che nel gennaio 2022 si era candidato alla presidenza della repubblica.
Secondo il Ft, ‘lo stile politico’ di Berlusconi ‘ha fornito un modello che altri populisti, tra cui l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l’ex primo ministro thailandese Thaksin Shinawatra, hanno continuato a emulare.
LE FIGARO ricorda Silvio Berlusconi, figura ‘cardine’ nella politica italiana.
‘Figura cardine nella politica italiana, – scrive il quotidiano – Silvio Berlusconi è morto all’età di 86 anni, hanno annunciato i media italiani lunedì. Prima imprenditore prima di dedicarsi alla politica, ‘Il Cavaliere’, come veniva soprannominato in patria, è stato tre volte capo del governo italiano, più di nove anni in totale, un record. Nato nel 1936 a Milano, l’imprenditore fondò in particolare il gruppo mediatico Mediaset, di cui era ancora il principale azionista. In Francia, ha lanciato La Cinq nel 1986, un canale televisivo privato di breve durata.
Con il suo partito di centrodestra Forza Italia, ha regnato supremo sulla politica italiana. Nonostante i numerosi casi, dallo scandalo Rubygate e dai suoi partiti del ‘Bunga Bunga’ alla condanna per evasione fiscale nella vicenda Mediaset – che gli è valsa una sentenza di ineleggibilità, annullata qualche anno dopo – Silvio Berlusconi ha sempre mantenuto la sua influenza… e la sua capacità di nuocere.
Bunga bunga a parte – scrive il britannico GUARDIAN di Berlusconi, ‘l’eredità di Berlusconi è una perdita di fiducia nell’élite politica italiana Una delle figure più controverse della politica europea, la sua carriera è stata segnata da volgari scandali sessuali e di corruzione.
Meglio conosciuto per la sua permanente abbronzatura, le gaffe, le feste ‘bunga bunga’ e l’ego smisurato, Silvio Berlusconi è stato un populista proto-trumpiano, l’uomo da battere a Roma per più di due decenni e una delle figure più controverse della politica europea.
Abile nell’arte non solo di resistere allo scandalo, ma di uscirne con il suo profilo e la sua popolarità migliorati, è stato perseguito più di 30 volte con accuse tra cui appropriazione indebita, falso in bilancio e corruzione di un giudice. Molti casi non sono stati processati, a volte perché Berlusconi ha cambiato la legge in base alla quale era stato accusato.
Solo una volta è stato condannato, per frode fiscale, nel 2013. Ciò ha portato a una pena detentiva di quattro anni, di cui tre graziati, un anno di servizio civile e un divieto di sei anni dall’ufficio legislativo – da cui si è immediatamente ripreso, nel 2019, come europarlamentare.
I parallelismi con Donald Trump – aggiunge il Guardian – sono sorprendenti: entrambi gli uomini hanno iniziato come magnati immobiliari, sono diventati star dei media e sono passati alla politica. Entrambi hanno deciso di minare le istituzioni consolidate del loro paese, compresa la stampa e la magistratura.
Respinte dalle rispettive istituzioni liberali, entrambe hanno anche risposto – nonostante la loro grande ricchezza – con la tattica populista di presentarsi come la vera voce del popolo contro un’élite fuori dal mondo e corrotta.
‘Mort de Silvio Berlusconi, le Cavaliere quitte la piste’, così titola il quotidiano francese LIBERATION. ‘Morto a 86 anni, l’ex capo del governo italiano è rimasto sino alla fine una figura centrale della politica italiana. Malgrado un passaggio al potere caotico, scandali sessuali a ripetizione e numerose inchieste giudiziarie, l’imprenditore, ha incarnato il successo e i limiti dell’Italia delle paillettes.’ Il quotidiano francese ricorda anche che nonostante molti scandali e alterni successi elettorali, Berlusconi aveva continuato a contare nella politica italiana e ‘l’anno scorso aveva anche sognato la presidenza della Repubblica al posto di Sergio Mattarella.
‘Silvio Berlusconi, figura di spicco della destra italiana, è morto’ scrive il francese LE MONDE. ‘ Il Cavaliere, tre volte alla guida del governo italiano, imprenditore dei media, a lungo proprietario del Milan, ha visto la sua carriera segnata da una serie di scandali pubblici e privati.’- .
Oltre ad aver detenuto più volte il titolo di uomo più ricco d’Italia, è il presidente del Consiglio che è rimasto al potere più a lungo dalla nascita della Repubblica italiana: 3.340 giorni esatti. Ma, nonostante la sua longevità, il suo innegabile senso tattico, le sue doti di comunicatore, la sua azione di governo rimane segnata da una serie di scandali privati e finanziari e da una relativa impotenza – frutto del suo temperamento disinvolto e gaudente, dei suoi conflitti di interessi e accordi presi con forze politiche con ideologie talvolta contrastanti, mentre la sua amicizia dimostrativa con Vladimir Putin, mai smentita nonostante l’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022, gettava un’ombra sulla sua immagine di atlantista e conservatore ‘Silvio Berlusconi, uno showman che ha stravolto la politica e la cultura italiana, è morto all’età di 86 anni: questo il titolo del NEW YORK TIMES.
Secondo il quotidiano americano, l’ex premier ‘introdusse sesso e glamour sulla tv italiana, portando poi la stessa formula nella vita politica, dominando il paese e la sua cultura per più di 20 anni’.
La morte dell’ex presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi è stata recepita con grande evidenza anche da DIVERSS TESTATE IN ASIA. In particolare, la televisione pubblica giapponese NHK ci apre il suo sito internet.
The Paper, sito d’informazione cinese, riporta in breve la notizia, accompagnandola con una foto in bianco e nero di Berlusconi, in segno di lutto. E’ stata inoltre flashata dall’agenzia di stampa cinese Xinhua.
La notizia è in apertura anche sul sito web del giornale giapponese Yomiuri shimbun, il più venduto del paese e con una linea editoriale conservatrice, mentre apre la sezione ‘internazionale’ dell’Asahi shimbun, di orientamento progressista. Campeggia inoltre tra le top news dello Straits Times di Singapore ed è stata ripresa dal Times of India.
La morte di Silvio Berlusconi apre tutti i principali siti dei quotidiani e media RUSSI. ‘È morto l’ex premier italiano Silvio Berlusconi scrive il quotidiano Kommersant pubblicando una foto del politico e imprenditore sorridente, mentre saluta con la mano. Stessa foto e titolo identico sulle Izvestja. ‘L’ex presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi è morto all’età di 87 anni in un ospedale, afferma.
Sobria Ria Novosti, che mette sulla prima pagina del suo sito ‘Silvio Berlusconi è morto’ accompagnato dal simbolo di un flash, una foto del leader azzurro con un’espressione severa, su sfondo nero. ‘L’ex Presidente del Consiglio dei Ministri, senatore Silvio Berlusconi, è morto all’età di 87 anni presso la clinica San Raffaele di Milano scrivono.
La scomparsa viene ricordata anche da una delle principali testate sportive russe: Sport Express. ‘E’ morto Berlusconi, ex presidente del Consiglio dei Ministri ed ex presidente del Milan’ titolano. ‘Berlusconi è stato il proprietario del Milan dal 1986 al 2016. A settembre 2018, l’italiano ha acquisito Monza si scrive nel testo.
L’altra testata sportiva di riferimento, SovSport titola: ‘L’ex proprietario del Milan ed ex presidente del Consiglio italiano Berlusconi muore a 86 anni. L’ex premier era il padrone del Monza. La foto scelta è quella di un leader azzurro ancora giovane, sorridente tra le tante coppe del Milan.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Oncologo Pastorino: “Con Rete screening polmone 90 diagnosi precoci in 1 anno”

(Adnkronos) - "Grazie al programma della Rete italiana di screening polmonare (Risp) in un anno abbiamo diagnosticato più di 90 tumori polmonari, di cui la maggioranza in primo stadio con una resecabilità che si avvicina all'80%". Lo ha detto Ugo Pastorino, direttore della Sc Chirurgia toracica dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano e responsabile del

Zambito (Pd): “Importante finanziare progetti di screening come il Risp”

(Adnkronos) - "Il ministero e la Commissione hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione perché devono fare in modo che i progetti di screening, che sono molto importanti e hanno riscosso molto successo arruolando molte persone, in Italia siano finanziati, manutenuti e implementati nel futuro”. Lo ha detto la senatrice del Pd Ylenia Zambito, segretaria della

Gemmato: “Mille Case comunità per prevenzione e screening polmonare”

(Adnkronos) - "Oggi stiamo attrezzando mille Case della comunità all'interno delle quali possiamo insediare dei centri di prevenzione primaria e secondaria per screenare i soggetti particolarmente predisposti per un tumore polmonare e, quindi, prenderli in carico con l'idea che oggi il tumore è una patologia che si può combattere e sconfiggere". Lo ha detto Marcello