Michele Schiavone confermato segretario generale del Cgie

Battuto nell’elezione alla Farnesina Luigi Billè
Roma, 20 giu. (askanews) – Michele Schiavone confermato segretario generale del Consiglio Generale degli Italiani all’estero (Cgie). A certificare il risultato è stato lo scrutinio al termine del primo turno di votazioni alla Farnesina, in occasione dell’Assemblea plenaria del nuovo Consiglio, che si è insediato lunedì mattina.
Sono 59 i consiglieri che hanno votato e, alla prima votazione, era necessaria la maggioranza assoluta: Schiavone ha ottenuto 35 preferenze, 13 sono andate a Luigi Billé. La successiva attribuzione di dieci schede inizialmente giudicate nulle in quanto non indicavano il nominativo prescelto sulla facciata corretta ha rimodulato il numero dei voti, con Schiavone che è arrivato a 44 e Billè a 14.
La rielezione di Schiavone, segretario generale uscente e nominato dal Cgie Germania come nuovo candidato, è stata sottolineata dagli applausi dei colleghi. Il segretario generale ha evidenziato come il Cgie abbia potuto riprendere la propria attività ordinaria e tornare alla normalità dopo diversi anni di blocchi, dovuti sia alla pandemia prima sia a una decisione dell’Avvocatura dello Stato poi. L’obiettivo di questo nuovo mandato, ha indicato, sarà quello di restituire le ali a un organismo che in tutti questi anni è riuscito a produrre tantissime attività e anche a essere propositivo nei confronti dei governi che hanno preceduto quella attuale. Proponendo innovazioni e rimettendo in primo piano le politiche degli italiani che vivono all’estero quale motivo principale delle attività del ministero degli Esteri. Il presidente del Cgie, il vice presidente del Consiglio e ministro degli Esteri Antonio Tajani (che interverrà venerdì nella giornata conclusiva dei lavori dell’Assemblea plenaria), non ha mai nascosto vicinanza e attenzione alle comunità degli italiani all’estero: Schiavone ha indicato che ci sarà un lavoro comune per ridare slancio alle comunità nella realizzazione di progetti, aspettative e prospettive politiche.
A presiedere le votazioni è stato il Direttore Generale per gli italiani all’estero della Farnesina, Luigi Maria Vignali.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Oncologo Pastorino: “Con Rete screening polmone 90 diagnosi precoci in 1 anno”

(Adnkronos) - "Grazie al programma della Rete italiana di screening polmonare (Risp) in un anno abbiamo diagnosticato più di 90 tumori polmonari, di cui la maggioranza in primo stadio con una resecabilità che si avvicina all'80%". Lo ha detto Ugo Pastorino, direttore della Sc Chirurgia toracica dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano e responsabile del

Zambito (Pd): “Importante finanziare progetti di screening come il Risp”

(Adnkronos) - "Il ministero e la Commissione hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione perché devono fare in modo che i progetti di screening, che sono molto importanti e hanno riscosso molto successo arruolando molte persone, in Italia siano finanziati, manutenuti e implementati nel futuro”. Lo ha detto la senatrice del Pd Ylenia Zambito, segretaria della

Gemmato: “Mille Case comunità per prevenzione e screening polmonare”

(Adnkronos) - "Oggi stiamo attrezzando mille Case della comunità all'interno delle quali possiamo insediare dei centri di prevenzione primaria e secondaria per screenare i soggetti particolarmente predisposti per un tumore polmonare e, quindi, prenderli in carico con l'idea che oggi il tumore è una patologia che si può combattere e sconfiggere". Lo ha detto Marcello