Rai, l’ad Sergio: “Non c’è approccio ideologico, Fazio aveva già deciso”. E rassicura su Report

ROMA – Non c’è nessun approccio ideologico, dice l’amministratore delegato della Rai, Roberto Sergio, oggi ascoltato in commissione di Vigilanza della Rai insieme alla presidente Rai Marinella Soldi. "La Rai è di tutti, non può fare a meno di essere di tutti", dice ancora. Fabio Fazio? "Non parlo di questo caso perchè aveva deciso prima che mi insediassi di cimentarsi altrove". Ma su Lucia Annunziata dice invece: "Spiace abbia voluto privare i cittadini utenti, che sono i nostri azionisti di ultima istanza, del suo punto di vista. Fosse stato necessario, ma non lo è stato, avremmo difeso il suo spazio". Infine, rassicura tutti sul destino di Report: "Nessuna trasmissione di inchiesta sarà soppressa".

Insieme a Sergio, in commissione c’è anche Marinella Soldi, che invece ha lanciato un grido d’allarme sulla situazione delle casse della Rai (indebitata per 580 milioni) ma ha anche stigmatizzato pesantemente la scelta di nominare solo uomini alla direzione delle testate giornalistiche. Lo ha definito "uno strappo grave alle policy di genere aziendali, ratificate proprio dal Cda un anno fa".

SERGIO: "NON C’È APPROCCIO IDEOLOGICO, FAZIO AVEVA DECISO DI ANDARSENE PRIMA CHE ARRIVASSI"

Tornando sulle polemiche a proposito delle scelte governative dietro alcune importanti uscite degli ultimi tempi, Sergio ha detto: "L’approccio che ci muove è tutto fuorchè ideologico. Mi riferisco all’annuncio di una professionista del calibro di Lucia Annunziata che spiace abbia voluto privare i cittadini utenti, che sono i nostri azionisti di ultima istanza, del suo punto di vista. Fosse stato necessario, ma non lo è stato, avremmo difeso il suo spazio. Non cito Fabio Fazio, perchè aveva deciso prima che mi insediassi di cimentarsi altrove".

"LA RAI È DI TUTTI, NON PUÒ ESSERE APPANNAGGIO SOLO DI ALCUNI"

"La Rai deve essere di tutti, non può fare a meno di essere di tutti, pena l’incompatibilità con i dettami costituzionali e il venir meno della sua universalità. Ne consegue che, per un verso, non può escludere alcuno e, per altro verso, non può essere appannaggio solo di alcuni". Cosi’ l’amministratore delegato Rai Roberto Sergio, in audizione in commissione di Vigilanza.

"PLURALISMO È UNA PAROLA CHIAVE"

"I criteri guida per la selezione delle figure apicali- spiega ancora Sergio- sono stati (e saranno, per le nomine che seguiranno): competenza e capacità manageriale, bilanciando continuità e innovazione. Sono stati scelti quindi professionisti validi, prestando molta attenzione a salvaguardare, laddove rilevante per la posizione, il pluralismo. Quest’ultima, pluralismo, è una parola chiave, e la pronuncio sapendo bene quanto sia cara a voi e a tutti coloro i quali abbiano attraversato le aule parlamentari e questa in particolare. Ma dobbiamo attenerci a questo criterio anche noi come Rai".

"CREDO CHE NEL 2024 IL CANONE SARÀ RISCOSSO COME ORA, INCONTREREMO GIORGETTI"

Sergio ha parlato anche della questione canone, spiegando di aspettarsi una prosecuzione della modalità di riscossione attuale: "Chiederemo domani un appuntamento con il ministro dell’economia, immaginiamo che il 2024 sia riscosso come ora, se ci arriverà una comunicazione formale ne prenderemo atto e ne discuteremo".

LA PRESIDENTE SOLDI: "INDEBITAMENTO A 580 MLN, URGE PIANO INDUSTRIALE ENTRO 2023"

"Vorrei trasferirvi un senso urgenza. L’azienda pur avendo chiuso con il bilancio in pareggio affronta una situazione di indebitamento pari a 580 milioni di euro nel 2022. Per un rinnovo necessario delle forme di finanziamento sul mercato ci vuole un piano industriale credibile e realistico approvato a stretto giro e tassativamente non oltre il 2023". Così la presidente della Rai, Marinella Soldi, nel corso dell’audizione in commissione di Vigilanza della Rai.

"NOMINE DIRETTORI TESTATE TUTTE AL MASCHILE È UNO STRAPPO GRAVE"

"Abbiamo ottenuto una significativa riduzione del gender gap, sia in termini di carriere sia di retribuzioni tra il 2021 e il 2022. Uno sforzo che purtroppo non è stato fatto in occasione delle ultime nomine, in particolare per le direzioni delle testate giornalistiche, che sono state tutte al maschile, uno strappo grave alle policy di genere aziendali, ratificate proprio dal Cda un anno fa", ha detto ancora la presidente Rai Marinella Soldi.

"SONO ALLERGICA ALLA PAROLA ‘QUOTE’, PARLO DI MERITO"

"Se si fa una ricerca non si troverà mai una parola ‘quote’ in quello che ho detto. Sono abbastanza allergica a questa parola e a questo concetto, si parla di merito". Così la presidente Rai, Marinella Soldi, durante l’audizione in Vigilanza.
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

“Sciogliamo la Nato”, Tarquinio diventa un caso

(Adnkronos) - "Sciogliamo la Nato". Le parole di Marco Tarquinio, ex-direttore dell'Avvenire e candidato Pd alle elezioni europee 2024 nella circoscrizione Centro, diventano un caso. Matteo Renzi e Carlo Calenda montano subito la polemica, ma è gelo anche tra i dem. La campagna elettorale impone il silenziatore ai malumori interni ma i commenti che girano

Kafd Globe Soccer Awards, Sardegna pronta per le stelle mondiali, Bellingham e Mbappè in corsa

(Adnkronos) - Dopo sei giorni di intense votazioni da parte dei tifosi, la lista dei candidati per il premio di Best Men’s Player si sfoltisce arrivando a soli 12 finalisti. Tra questi si annoverano alcuni candidati alla Champions League, Jude Bellingham e Vinicius Jr, la superstar francese Kylian Mbappé, l'icona del Liverpool FC Mohamed Salah

SanitĂ , Marino (Unindustria): “No a sostituzione strutture diagnostiche con farmacie”

(Adnkronos) - "Le farmacie giocano un ruolo cruciale nel nostro sistema sanitario, ma questo ruolo deve essere complementare, e non sostitutivo, delle strutture diagnostiche specializzate". Così Luca Marino, vicepresidente Unindustria con delega alla sanità, intervenendo alla Seconda Assemblea nazionale dell'Associazione imprese sanitarie indipendenti (Aisi), in corso a Roma. "Affidare l'esecuzione di test di laboratorio alle farmacie