Relazioni Cina-Usa ripartono, Xi: sono necessarie al mondo

Presidente assicura: Pechino non fornirĂ  armi letali alla Russia
Roma, 19 giu. (askanews) – Un incontro che viene a sbloccare una relazione da tempo deteriorata, quello di oggi a Pechino tra il presidente cinese Xi Jinping e il segretario di Stato Usa Antony Blinken. La relazione tra Pechino e Washington è “necessaria” al mondo, ha detto il leader cinese, in un faccia-a-faccia che potrebbe essere un passo importante per aprire la strada a un futuro summit con il capo di stato americano Joe Biden.
“Il mondo ha bisogno di una relazione stabile tra Cina e Stati uniti e il fatto che Cina e Stati uniti vadano o meno d’accordo ha un impatto sul futuro e sul destino dell’umanitĂ ”, ha affermato Xi.
“La Terra – ha aggiunto – è vasta e può accogliere sviluppo e prosperitĂ  paralleli della Cina e degli Stati uniti. I nostri due popoli hanno rispetto di sĂ©, sono solidi e autosufficienti ed entrambi hanno il diritto di perseguire una vita migliore; per questo motivo, gli interessi comuni tra i due paesi devono essere rispettati e le reciproche conquiste vanno trattate come opportunitĂ , non come minacce”.
Secondo il leader cinese, i tempi non richiedono una competizione per il potere. “La Cina rispetta gli interessi degli Stati uniti e non intende nĂ© sfidarli nĂ© sostituirli. Allo stesso modo gli Usa devono rispettare la Cina e non lederne i diritti e gli interessi legittimi”, ha detto ancora il presidente, con un riferimento indiretto alla rivendicazione della sovranitĂ  di Taiwan. Su questo punto, Blinken ha rassicurato Xi sostenendo che gli Usa non intendono sostenere “l’indipendenza di Taiwan”, nĂ© entrare in conflitto con la Cina e contenerla rafforzando i propri alleati regionali. Ha tuttavia presentato la sua preoccupazione per la pressione cinese nello stretto di Taiwan.
Xi ha inoltre sottolineato che il reciproco rispetto deve passare attraverso la considerazione che “nessuna delle due parti può modellare l’altra secondo i propri desideri, nĂ© privare l’altra del legittimo diritto allo sviluppo”: tra i due paesi devono esserci rapporti “sani e stabili”, superando tutte le difficoltĂ  e trovare il modo giusto per andare avanti nel “rispetto reciproco, nella coesistenza pacifica e in una cooperazione vantaggiosa per tutti”.
Gli ha fatto eco Blinken, affermando che entrambi i paesi hanno l’obbligo di gestire tale relazione “in modo responsabile”. Ha inoltre assicurato che gli Usa non vogliono “una nuova guerra fredda” e ha aggiunto che Pechino e Washington sono allineati su molti “interessi transnazionalicondivisi”, acquisendo una nuova rassicurazione da Xi sul fatto che la Cina non intende fornire armi letali alla Russia per il conflitto in Ucraina.
L’ultima volta Blinken aveva visto Xi come parte della delegazione presente al vertice Biden-Xi a margine del G20 di Bali, a novembre dello scorso anno, mentre un ministro degli esteri americano non si recava in Cina dal 2018. La visita del capo della diplomazia Usa è stata di due giorni ed ha avuto, secondo il segretario di Stato, un esito costruttivo.
All’incontro Blinken-Xi hano preso parte anche il capo della politica estera del Partito comunista cinese Wang Yi, visto oggi da Blinken in un bilaterale, oltre che il ministro degli Esteri Qin Gang, col quale ieri ha avuto un lungo incontro e che ha invitato negli Usa, invito accettato. Tutti passaggi che suggeriscono che si stia cercando di aprire la strada a un summit Xi-Biden.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Morte Onorato, la denuncia della figlia sui social: “Mio padre è stato ammazzato”

di Salvo Cataldo e Sausan Khalil ROMA – L’eurodeputata Francesca Donato è stata ascoltata fino alla tarda serata di ieri dagli investigatori della squadra mobile di Palermo che indagano sulla morte del marito, Angelo Onorato, trovato senza vita all’interno della sua Range Rover verde petrolio su una bretella laterale dell’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo. Con

Ucraina, si aggrava bilancio raid Russia su ipermercato Kharkiv: 11 morti

(Adnkronos) - Si aggrava il bilancio del raid della Russia sferrato su un ipermercato di Kharkiv, nel nordest dell'Ucraina, con il governatore della regione Oleh Syniehubov che ha annunciato che salgono a 11 le vittime, mentre sarebbero almeno 40 i feriti. Ieri la Russia aveva attaccato lo store affermando che l'Ucraina aveva nascosto un deposito di

India, incendio in ospedale pediatrico: sei neonati morti e 5 feriti

(Adnkronos) - Sei neonati hanno perso la vita in un tragico incendio presso il New Born Baby Care Hospital di Vivek Vihar a Delhi. Il ministro della Sanità Saurabh Bharadwaj ha assicurato che sul caso verranno presi provvedimenti rigorosi.  Secondo le autorità, 12 bambini sono stati salvati dal luogo dell'incidente, dove uno era già morto