Secondo il presidente del Brasile Lula “all’Eliseo e al Quirinale si mangia troppo poco”

Presidente baasiliano: ai pranzi ufficiali porzioni scarse
Roma, 28 giu. (askanews) – Nonostante Roma e Parigi siano due delle capitali gastronomiche mondiali, il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva non ha affatto apprezzato il trattamento culinario ricevuto nelle sue recenti visite all’Eliseo e al Quirinale.
O meglio, come ha spiegato lo stesso Lula in un’intervista sul suo canale ufficiale di YouTube, il difetto principale delle cene e pranzi ufficiali – “di palazzo”, come le ha definite – sono le porzioni da “nouvelle cuisine”, del tutto insufficienti a soddisfare l’appetito di un capo di Stato affamato. “Nelle visite ufficiali non si mangia bene. Primo, perché in un palazzo non si mangia bene da nessuna parte del mondo; secondo, perché non posso mai andare al ristorante perché devo mangiare in albergo, e il cibo degli alberghi non è buono”, ha proseguito Lula.
“Ho pranzato con Macron e con il presidente Mattarella, due pranzi di palazzo… Può essere golosità da parte mia, ma a me piacciono le quantità. Poi è tutto molto sofisticato, a volte la gente non sa nemmeno che cosa ci sia nel piatto. Ma insomma, sopravviviamo comunque”, ha concluso.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Oncologo Pastorino: “Con Rete screening polmone 90 diagnosi precoci in 1 anno”

(Adnkronos) - "Grazie al programma della Rete italiana di screening polmonare (Risp) in un anno abbiamo diagnosticato più di 90 tumori polmonari, di cui la maggioranza in primo stadio con una resecabilità che si avvicina all'80%". Lo ha detto Ugo Pastorino, direttore della Sc Chirurgia toracica dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano e responsabile del

Zambito (Pd): “Importante finanziare progetti di screening come il Risp”

(Adnkronos) - "Il ministero e la Commissione hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione perché devono fare in modo che i progetti di screening, che sono molto importanti e hanno riscosso molto successo arruolando molte persone, in Italia siano finanziati, manutenuti e implementati nel futuro”. Lo ha detto la senatrice del Pd Ylenia Zambito, segretaria della

Gemmato: “Mille Case comunità per prevenzione e screening polmonare”

(Adnkronos) - "Oggi stiamo attrezzando mille Case della comunità all'interno delle quali possiamo insediare dei centri di prevenzione primaria e secondaria per screenare i soggetti particolarmente predisposti per un tumore polmonare e, quindi, prenderli in carico con l'idea che oggi il tumore è una patologia che si può combattere e sconfiggere". Lo ha detto Marcello