Traffico internazionale di droga e armi con base a Milano, 30 arresti in 10 province italiane

MILANO – Un sodalizio dedito al traffico internazionale di droga ed armi, alla detenzione illecita, al riciclaggio, all’autoriciclaggio, con base sotto la Madonnina e l’ombra operativa della ‘ndrangheta. Questi solo alcuni tra i 221 diversi capi d’imputazione complessivi contestati a 30 persone, 26 di nazionalità italiana e quattro di nazionalità marocchina, arrestate questa mattina dai Carabinieri lungo tutto il territorio nazionale, e precisamente nelle province di Monza Brianza, Milano, Como, Pavia, Reggio Calabria, Catanzaro, Messina, Palermo, Trieste e Udine.

Cocaina e hashish arrivavano a Gioia Tauro, in Calabria, nascosti in container: la prima dal Sud America (prevalentemente dall’Ecuador) e il secondo dalla Spagna, per giungere in buona parte a Milano. L’associazione aveva infatti la base operativa nel capoluogo lombardo, dove uno dei principali indagati (una sorta di broker) si occupava di mantenere tutte le relazioni per concludere gli affari di droga, tenendosi comunque in contatto con i complici calabresi, soprattutto per l’estrazione in modo sicuro della merce dal porto. L’inchiesta ha consentito di ricostruire innumerevoli compravendite di stupefacenti per un totale di 3.051 kg di hashish (del valore alla vendita di circa 12 Milioni di euro) e 374 kg cocaina (del valore alla vendita di circa 11 milioni di euro).

Parallelamente al traffico di droga, è emerso anche “un illecito commercio di armi da fuoco comuni e da guerra”, come mitragliette UZI, fucili da assalto AK47, Colt M16, pistole Glock e Beretta, nonché bazooka e bombe a mano MK2 “ananas”. Gli indagati acquistavano le armi da un fornitore monzese, condannato all’ergastolo per omicidio aggravato ed associazione mafiosa, ma, come fanno sapere gli inquirenti “beneficiante di periodici permessi premio”, durante i quali sviluppa appunto le attività di intermediazione per le armi.

Le indagini, iniziate nell’estate del 2020, hanno fatto emergere come un commerciante di auto usate di Cusano Milanino (MI), avrebbe operato come broker gestendo l’ingresso e la commercializzazione di enormi quantitativi di droga nel territorio nazionale, con la complicità ed il supporto di appartenenti ad una nota famiglia di ‘ndrangheta da tempo operante anche in Lombardia, i Bellocco di Rosarno. La droga veniva venduta all’ingrosso per poi essere smerciata sulle piazze di spaccio presenti in Quarto Oggiaro (MI), Cinisello Balsamo (MI) e Monza (MB). Parte dei guadagni del traffico di droga venivano poi reinvestiti in orologi di lusso in una nota gioielleria del centro di Milano, beni immobili residenziali, attività commerciali, oltre che l’acquisto di nuovi carichi.

L’articolo Traffico internazionale di droga e armi con base a Milano, 30 arresti in 10 province italiane proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Oncologo Pastorino: “Con Rete screening polmone 90 diagnosi precoci in 1 anno”

(Adnkronos) - "Grazie al programma della Rete italiana di screening polmonare (Risp) in un anno abbiamo diagnosticato piĂš di 90 tumori polmonari, di cui la maggioranza in primo stadio con una resecabilitĂ  che si avvicina all'80%". Lo ha detto Ugo Pastorino, direttore della Sc Chirurgia toracica dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano e responsabile del

Zambito (Pd): “Importante finanziare progetti di screening come il Risp”

(Adnkronos) - "Il ministero e la Commissione hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione perché devono fare in modo che i progetti di screening, che sono molto importanti e hanno riscosso molto successo arruolando molte persone, in Italia siano finanziati, manutenuti e implementati nel futuro”. Lo ha detto la senatrice del Pd Ylenia Zambito, segretaria della

Gemmato: “Mille Case comunitĂ  per prevenzione e screening polmonare”

(Adnkronos) - "Oggi stiamo attrezzando mille Case della comunità all'interno delle quali possiamo insediare dei centri di prevenzione primaria e secondaria per screenare i soggetti particolarmente predisposti per un tumore polmonare e, quindi, prenderli in carico con l'idea che oggi il tumore è una patologia che si può combattere e sconfiggere". Lo ha detto Marcello