VIDEO | Aumentano le demenze prima dei 60 anni, attenti alla neuroinfiammazione: come intervenire

ROMA – Le demenze non sono più un fatto di soli anziani, anche se l’invecchiamento della popolazione ne rappresenta la causa principale, si può parlare di “un incremento di casi tra i più giovani con esordio al di sotto dei 60 anni”. A dirlo è il neurologo professor Giacomo Koch, direttore del dipartimento di Neuropsicofisiologia Sperimentale dell’Irccs Santa Lucia di Roma che, alla Dire, ha parlato anche di quali sono i rimedi per poter arginare quel processo di neuroinfiammazione, “tema ampio che sta diventando centrale per comprendere meccanismi patologici di malattie come Alzheimer, Sla e Parkinson”.
Da una parte i geni, dall’altra gli stili di vita: “Evitare zuccheri, gli alimenti processati industrialmente- sono le raccomandazioni dello specialista- bene l’attività fisica regolare”, importante la “regolarità del ciclo sonno-veglia. Le persone che dormono poco e male hanno accumuli tossici infiammatori”, segnala.

“La neurodegenerazione è subdola perché si ha una perdita di cellule fondamentali come i neuroni, e si ha anche una progressiva compromissione del sistema di neuroinfiammazione basato sulle cellule della glia che sono di supporto al sistema nervoso centrale”. È come se, spiega il neurologo, “questo sistema tampone, che contrasta gli agenti tossici e l’infezione, non riuscisse piu’ a contrastare i meccanismi della neuroinfiammazione che accelerano la malattia”. Il tutto avviene “nell’arco di molti anni, lentamente”.
I ricercatori lavorano per una speranza: si stanno testando farmaci per contrastare le demenze: “Ci sono studi di fase 2 e 3 sull’ Alzherimer”, annuncia. E a proposito di speranza e nuove cure è Koch ad aver scoperto l’efficacia della molecola pealut che può dare una chance ai malati di demenza fronto-temporale, come l’attore Bruce Willis, rallentando la malattia. Si tratta della “seconda forma di demenza primaria a esordio giovanile prima dei 65 anni, dopo l’Alzherimer la piu frequente” chiarisce il medico, e per lo più ha cause genetiche.

Presenta “sintomi specifici, con difficoltà a carico delle funzioni del linguaggio, l’erosione del sistema semantico, afasia, ma comporta anche una modificazione del carattere e della personalita’ perché aggredisce il lobo frontale e temporale”. La molecola pealut, testata in ricerca clinica, ha dato “un miglioramento delle funzioni cognitive e un ripristino dei circuiti alterati sul fronto-temporale. È stata somministrata su oltre 50 pazienti per 6 mesi e ha rallentato i sintomi della malattia. Si tratta di risultati preliminari- annuncia il neurologo- e il lavoro scientifico è in revisione”. Laddove ci siano casi con esordio giovanile è opportuno un counseling genetico, raccomanda Koch: “Un 20-30% dell’esordio giovanile” ha nel Dna la sua spiegazione.

L’articolo VIDEO | Aumentano le demenze prima dei 60 anni, attenti alla neuroinfiammazione: come intervenire proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

“Sciogliamo la Nato”, Tarquinio diventa un caso

(Adnkronos) - "Sciogliamo la Nato". Le parole di Marco Tarquinio, ex-direttore dell'Avvenire e candidato Pd alle elezioni europee 2024 nella circoscrizione Centro, diventano un caso. Matteo Renzi e Carlo Calenda montano subito la polemica, ma è gelo anche tra i dem. La campagna elettorale impone il silenziatore ai malumori interni ma i commenti che girano

Kafd Globe Soccer Awards, Sardegna pronta per le stelle mondiali, Bellingham e Mbappè in corsa

(Adnkronos) - Dopo sei giorni di intense votazioni da parte dei tifosi, la lista dei candidati per il premio di Best Men’s Player si sfoltisce arrivando a soli 12 finalisti. Tra questi si annoverano alcuni candidati alla Champions League, Jude Bellingham e Vinicius Jr, la superstar francese Kylian Mbappé, l'icona del Liverpool FC Mohamed Salah

SanitĂ , Marino (Unindustria): “No a sostituzione strutture diagnostiche con farmacie”

(Adnkronos) - "Le farmacie giocano un ruolo cruciale nel nostro sistema sanitario, ma questo ruolo deve essere complementare, e non sostitutivo, delle strutture diagnostiche specializzate". CosÏ Luca Marino, vicepresidente Unindustria con delega alla sanità, intervenendo alla Seconda Assemblea nazionale dell'Associazione imprese sanitarie indipendenti (Aisi), in corso a Roma. "Affidare l'esecuzione di test di laboratorio alle farmacie