VIDEO | Chi sono i TheBorderline, gli youtuber che hanno causato l’incidente in cui è morto il piccolo Manuel

ROMA – Si chiamano Vito Loiacono, Matteo Di Pietro, Marco Ciaffaroni e Giulia Giannandrea, i ragazzi che ieri pomeriggio, a bordo di una Urus Lamborghini hanno travolto la macchina su cui viaggiava il piccolo Manuel di cinque anni, insieme alla mamma e alla sorellina, uccidendolo. Meglio conosciuti in rete come i TheBorderline, i quattro ragazzi sono i responsabili di un canale youtube che conta circa 600mila iscritti. Una volta la settimana, caricano sulla piattaforma challenge che sfiorano il ‘demenziale’ del tipo ‘Vivo 50 ore in una scatola’ oppure ‘Vacanza in barca da ricchi vs poveri’.

Non siamo ricchi ma ci piace spendere per farvi divertire a voi!”, scrivono i TheBorderline nella presentazione del loro canale. “Tutto quello che facciamo si basa su di voi, più supporto ci date più contenuti costosi e divertenti porteremo, tra sfide, challenge e scherzi di ogni tipo cercheremo di strapparvi una risata in ogni momento:) Ogni singolo euro guadagnato su YouTube verrà speso per portare video assurdi e unici. Obbiettivo finale? Regalare a qualcuno di voi 1.000.000 Euro (Probabilmente non accadrà mai, ma è il nostro obbiettivo) La nostra fonte di ispirazione è il grande MrBeast che in America ha costruito un impero attraverso questo tipo di video, ispirandoci a lui porteremo per la prima volta in Italia contenuti simili, che potranno essere portati avanti solo attraverso il vostro grande supporto”.

LEGGI ANCHE: Roma, Manuel muore a cinque anni per un incidente: alla guida dell’auto youtubers che giravano una challenge

LA MARATONA AL VOLANTE DELLA LAMBORGHINI

Il lavoro dei TheBorderline, quindi, è tutto incentrato sulla creazione di video “assurdi e unici” come li definiscono loro, e molto probabilmente anche ieri, dopo aver noleggiato il Suv della Lamborghini, stavano progettando un altro contenuto del tipo ‘Sto 50 ore in una Lamborghini’. A riprova del fatto, i video pubblicati e poi rimossi dai ragazzi sui social, proprio a bordo del Suv azzurro. I ragazzi, tutti poco più ventenni, hanno noleggiato l’auto il 13 giugno e hanno iniziato la maratona alla guida, facendo turni da circa due ore a testa. Poi la tragedia.

SUL CANALE DEI THEBORDERLINE LA RABBIA DEGLI UTENTI

Sul canale dei ragazzi, tanti i commenti indignati sull’accaduto: da chi gli augura di “finire a Rebibbia” alle donne che si immedesimano nella mamma del piccolo Manuel “da mamma di due bambini, spero che vi rinchiudano e buttino via la chiave”.

INCIDENTE CASAL PALOCCO, LO YOUTUBER LOIACONO: UN TRAUMA INDESCRIVIBILE

“Il trauma che sto provando è indescrivibile, ci tengo solo a dire che io non mi sono mai messo al volante e che sto vicinissimo alla famiglia della vittima”, ha scritto in un commento su Instagram Vito Loiacono. Al momento nei suoi profili social sono comparsi insulti e critiche.

L’articolo VIDEO | Chi sono i TheBorderline, gli youtuber che hanno causato l’incidente in cui è morto il piccolo Manuel proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

E’ morto Kabosu, il ‘cane dei meme’: il messaggio di Elon Musk

(Adnkronos) - È morto Kabosu, il cane protagonista del meme 'doge' che da anni impazza sui social e nelle chat. Ad annunciare la scomparsa è Atsuko Sato, la padrona di Kabosu. Il cane, morto a 18 anni, era un esemplare femmina di razza shiba. Dal 2022 conviveva con una forma di leucemia e con una

Siu, influencer fuori dal coma: fermato marito per tentato omicidio

(Adnkronos) - E' uscita dal coma Soukaina El Basri, la giovane modella e influencer biellese finita in ospedale in terapia intensiva con un ferita al torace e una lacerazione dell'arteria mammaria. La giovane, quando era stata soccorsa nella sua abitazione, era stata trasportata prima in ospedale a Biella e successivamente trasferita a Novara, dove si

Genova, poggiato primo cassone nuova diga foranea

(Adnkronos) -  Prende forma, al largo del porto di Genova, la nuova diga foranea. Nel cantiere marittimo del consorzio PerGenova Breakwater guidato da Webuild, è stato posato oggi a 25 metri di profondità il primo degli oltre 90 cassoni che comporranno i primi 4 km dei 6 km complessivi dell’opera, i cui lavori vanno avanti