“Chukuana”, tre giorni a Roma per decolonizzare la cooperazione: si parte mercoledì 27

ROMA – Decolonizzare la cooperazione allo sviluppo: è il tema al centro di una tre giorni di dibattiti, confronti e anche una mostra fotografica organizzata a Roma mercoledì 27, giovedì 28 e venerdì 29 settembre dalla onlus Comunità solidali nel mondo. L’appuntamento, in via Galilei 53, è intitolato “Chukuana”, una parola swahili che vuol dire “aiutarsi in modo reciproco”. Ad aprire la tre giorni l’inaugurazione di una mostra del fotoreporter Marco Palombi, alle 17.30 di mercoledì.

“LA VERA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE”

“L’obiettivo dell’iniziativa”, sottolinea Michelangelo Chiurchiù, presidente di Comunità solidali, “è promuovere la cultura di una vera cooperazione internazionale e riflettere sul bisogno di autonomia e autodeterminazione che viene sempre più richiesto dai partner locali del Sud del mondo”.
Secondo la onlus, “il tema della decolonizzazione è sempre più evocato dagli stessi partner locali dei progetti in Africa e America del Sud e si traduce nel loro bisogno di autonomia, di autodeterminazione, di libertà dai condizionamenti per essere realmente protagonisti del proprio sviluppo”.

MOSTRA FOTOGRAFICA E DIBATTITI

Rispetto alla mostra, in una nota si legge: “Gli scatti di Palombi ci accompagnano per raccontare momenti di vita colti durante il viaggio in Tanzania svolto nel 2022 insieme a Vincenzo Giardina, giornalista dell’agenzia Dire, e allo staff di Comunità solidali nel mondo”. Origini romane e vocazione umanista, il fotografo ha un’esperienza di reportage trentennale, con servizi realizzati da Haiti alla Somalia, dal Burkina Faso al Libano, dall’Iraq al Niger. L’inaugurazione della mostra sarà affiancata da un dibattito, con Palombi, Chiurchiù, Giardina, Giovanni Ruocco, professore dell’Università La Sapienza di Roma esperto sui temi del colonialismo, e Carlo Ciavoni, giornalista di Repubblica. A moderare Chiara Nardinocchi, pure di Repubblica.

WORKSHOP E INCONTRI CON LE SCUOLE

Giovedì ci si concentrerà invece sull’”elaborazione di proposte da consegnare ai decisori politici che traducano le esigenze dei nostri partner del Sud del mondo”. Al dibattito, alle 17, parteciperanno anche Ivana Borsotto, presidente di Focsiv, Pasquale De Muro, dell’Università Roma Tre, Roberto Natale, giornalista della Rai, Senga Pemba, professore al Saint Francis University College of Health and Allied Sciences in Tanzania, Francesco Petrelli, dell’ong Oxfam, Jean Leonard Touadi, docente della Sapienza, lo storico Sandro Triulzi e Silvia Stilli, presidente dell’Associazione organizzazioni non governative italiane (Aoi). Sia nella mattina di giovedì che in quella di venerdì, dalle 9.30, ci saranno workshop con incontri con studenti delle scuole. “Le immagini della mostra e la presenza dell’autore”, sottolineano gli organizzatori, “stimoleranno un confronto intergenerazionale sul tema dell’evento”. A intervenire anche la docente Milena Iacuzzo e cooperanti di Comunità solidali nel mondo collegati dalle loro sedi di lavoro in Tanzania. I partecipanti a ‘Chukuana’ potranno registrarsi a questo link

L’articolo “Chukuana”, tre giorni a Roma per decolonizzare la cooperazione: si parte mercoledì 27 proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Putin: prima o poi Russia e Ucraina troveranno un accordo

L'intervista a Tucker Carlson: voglio arrivare a una soluzione negoziale Roma, 9 feb. (askanews) – "Russia e Ucraina prima o poi troveranno un accordo", ha dichiarato Vladimir Putin nell'intervista a Tucker Carlson, pubblicata sul sito del giornalista americano. Il presidente russo ha detto che vuole arrivare a "una soluzione per la situazione in Ucraina per

Sanremo, terza serata: il ciclone Mannino, Morandi, Russel Crowe e la sua band, Eros e la pace

Inizio con un pizzico di polemica sul ballo del qua qua, Amadeus: si è parlato troppo di John Travolta Sanremo, 8 feb. (askanews) – Inizio con un pizzico di polemica da parte di Amadeus della terza serata del Festival di Sanremo. Inizio con la polemica sul ballo del qua qua, che ha tenuto banco da

Putin, intervista a Tucker Carlson: “Ucraina ha iniziato guerra nel 2014”

(Adnkronos) - "L'Ucraina ha iniziato la guerra nel 2014. Non l'ha iniziata la Russia nel 2022. Il nostro è un tentativo di fermare la guerra". Vladimir Putin si esprime così nell'intervista fiume a Tucker Carlson. Il presidente della Russia accoglie il giornalista statunitense al Cremlino e parla per 2 ore in una chiacchierata che, per