Il ranking delle università europee: il PoliMi è l’unico ateneo italiano tra le prime cinquanta

QS: La Sapienza, univ. Bologna e Padova tra le prime 100. Invece, come numero di atenei l’Italia è la quarta
Roma, 20 set. (askanews) – QS Quacquarelli Symonds ha pubblicato la prima classifica delle universitĂ  europee, che valuta le universitĂ  in base alla reputazione internazionale, alla quantitĂ  e impatto della ricercar prodotta, alle risorse dedicate all’insegnamento, all’internazionalizzazione e ai risultati occupazionali (metodologia). Sono elencate 688 istituzioni in 42 membri del Consiglio d’Europa, tra cui 106 universitĂ  mai classificate in precedenza da QS: l’Italia si posiziona al quarto posto in Europa per numero di universitĂ  (51), mentre il Politecnico di Milano si conferma il migliore ateneo italiano ottenendo il 47mo posto, dopo aver migliorato il proprio risultato nel recente QS World University Rankings. Il PoliMi è l’unico ateneo italiano a figurare tra le prime cinquanta, con la Sapienza (65mo posto), l’UniversitĂ  di Bologna (78) e l’UniversitĂ  di Padova (89) che si posizionano tra le prime cento.
In cima alla classifica c’è l’UniversitĂ  di Oxford, seguita dal Politecnico di Zurigo e dall’UniversitĂ  di Cambridge. Riguardo il numero di universitĂ  classificate, il Regno Unito domina con 107 atenei nel ranking, seguito da Turchia (73), Germania (53), Italia (51) e Francia (50).
“Sebbene il Regno Unito domini la classifica, soprattutto grazie al rilievo globale di Oxbridge e all’influenza della ricerca prodotta, l’eccellenza permea l’intera regione europea”, ha dichiarato Ben Sowter, vicepresidente di QS: “I nostri dati evidenziano diversi punti di forza: dall’attrazione di talenti internazionali – docenti, ricercatori e studenti – alla creazione di potenti alleanze di ricerca e alla qualitĂ  dei laureati, apprezzati dai datori di lavoro internazionali”.
Nel QS Europe University Rankings, l’Italia si è distinta in vari aspetti, mostrando simultaneamente punti di eccellenza e margini di crescita.
– Reputazione Accademica: L’Italia brilla con un punteggio di 30.7, sovrastando notevolmente la media europea di 23.9. Questo sottolinea il riconoscimento e l’alta stima che le universitĂ  italiane detengono a livello europeo nel campo accademico. Il punteggio si basa su un sondaggio di 144.000 docenti, ricercatori e altre rilevanti figure professionali in ambito Universitario. – Opinione dei Datori di Lavoro: Con un punteggio di 19.7, rispetto alla media europea di 24.9, emerge una necessitĂ  di rafforzare il legame tra universitĂ  e settore professionale, assicurando che l’istruzione risponda efficacemente alle esigenze del mondo del lavoro. Il punteggio si basa su un sondaggio di 98.000 datori di lavoro internazionali. – Rapporto Docenti/Studenti: Un punteggio di 17.9, ben al di sotto della media europea di 42.7, potrebbe riflettere aule affollate e minori opportunitĂ  per un’interazione personalizzata tra studenti e docenti. – AttivitĂ  di Ricerca: L’Italia si distingue per le citazioni per pubblicazione scientifica (27.1) e le pubblicazioni scientifiche per ricercatore (53.2), evidenziando una ricerca di qualitĂ  e un impatto notevole a livello accademico. – Rete di Ricerca Internazionale: Con un punteggio di 46.3, l’Italia dimostra di avere solide alleanze e collaborazioni a livello internazionale, superando ampiamente la media europea di 32.5. – Internazionalizzazione: I dati relativi alla proporzione di docenti e studenti internazionali (10.7 e 11.7, rispettivamente) sottolineano un’area in cui le universitĂ  italiane potrebbero espandere ulteriormente la loro presenza e attrattivitĂ  internazionale. – MobilitĂ  Studentesca: Se da un lato l’Italia eccelle nel promuovere la mobilitĂ  degli studenti all’estero (49.7), dall’altro si colloca in linea con la media europea per quanto riguarda l’accoglienza di studenti stranieri (30.7). – SostenibilitĂ : Un punteggio di 47.2, molto al di sopra della media europea di 32, evidenzia l’impegno e l’attenzione delle universitĂ  italiane verso pratiche sostenibili e responsabili. – Prospettive Occupazionali: Un punteggio di 20.8, in contrasto con la media europea di 41.4, suggerisce la necessitĂ  di riflettere su come migliorare l’inserimento lavorativo dei laureati italiani.
Per Jessica Turner, amministratore delegato di QS, “le universitĂ  italiane si dimostrano solide e competitive in molti ambiti, ma esistono specifiche aree che potrebbero beneficiare di interventi mirati per garantire un’eccellenza complessiva e una maggiore armonizzazione con il contesto europeo”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Yearbook SP Global: Pirelli tra aziende Top 1% per sostenibilità

Unica del Settore Auto Components a livello globale Milano, 7 feb. (askanews) – Pirelli si conferma anche quest'anno tra le migliori aziende al mondo in sostenibilità ottenendo la qualifica di "Top 1%" – unica del Settore Auto Components a livello globale – il massimo riconoscimento nell'ambito del Sustainability Yearbook 2024 pubblicato da S&P Global dopo

Iervolino presenta “Bunny-Man”, una produzione TaTaTu con Mike Tyson

Al 95% in virtual production presso i Tuscany film studios a Torino Roma, 7 feb. (askanews) – Un multimilionario che si muove nell'anonimato indossando una maschera da coniglio, un supereroe spinto dal desiderio di vendicare sua sorella, morta suicida dopo una violenza le cui immagini sono finite in Rete: è "Bunny – Man", il protagonista

In Sicilia centrodestra diviso, stop riforma Province. E’ polemica

Opposizioni chiedono dimissioni del governatore Schifani Palermo, 7 feb. (askanews) – Centrodestra siciliano in crisi. La bocciatura del primo articolo della riforma delle Province è un segnale della spaccatura politica nella maggioranza. Tredici franchi tiratori hanno praticamente mandato in frantumi la riforma delle Province in Sicilia, uno dei punti centrali del programma della giunta regionale