L. Fontana: povertà economica e educativa pesano su futuro minori

“Agire per ridurre le profonde disuguaglianze presenti nel Paese”
Roma, 27 set. (askanews) – “Nessuno deve rimanere indietro”: è questa la sintesi finale del pensiero espresso dal presidente della Camera, Lorenzo Fontana, nel suo saluto istituzionale in occasione della presentazione della Relazione dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza in corso a Montecitorio, nella sala della Regina.
L’evento “rappresenta – ha osservato il presidente della Camera – un’occasione preziosa di confronto istituzionale per riflettere sullo stato della tutela dei diritti dei minori. I minori sono il presente e il futuro del Paese e la nostra speranza per la costruzione di una società migliore. Ma sono ancora numerose le criticità legate alla loro crescita e al loro benessere”.
“Molti di loro – ha sottolineato Fontana – si trovano infatti in condizioni di povertà e privazione. Secondo i dati dell’Istat – nel 2021 – 1 milione e 400mila minori in Italia vivevano in povertà assoluta. Questo è semplicemente inaccettabile. Non è solo la povertà economica a pesare sulla vita dei nostri minori. La povertà educativa e la carenza di opportunità di formazione e di sviluppo delle competenze incidono negativamente sulla loro crescita. Questi fattori contribuiscono alla dispersione scolastica. Lo svantaggio in termini educativi aumenta nel tempo ed è più difficile da colmare. Per questo motivo è necessario intervenire già nella prima infanzia, investendo risorse nell’educazione del bambino”.
A giudizio del presidente Fontana “ragioni di equità e giustizia sociale impongono, dunque, l’adozione di politiche pubbliche in grado di offrire a tutti i minori l’opportunità di apprendere, formarsi, sviluppare capacità e competenze, coltivare le proprie aspirazioni e far emergere i propri talenti. Le disuguaglianze penalizzano in particolare chi vive in contesti di povertà economica o dove gli stimoli educativi e culturali sono limitati. Occorre dunque agire per ridurre le profonde disuguaglianze presenti nel Paese”.
“In questo senso – ha osservato – va favorita la partecipazione dei minori alle scelte che li riguardano direttamente, come sancito dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Dare voce alle esigenze dei minori è un dovere morale, prima ancora che politico. Esso richiama le Istituzioni a mantenere sempre alta l’attenzione verso il mondo dell’infanzia e dell’adolescenza. Nessuno deve rimanere indietro”, ha concluso Fontana.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

E’ morto Ugo Intini, storico esponente del Psi aveva 83 anni

(Adnkronos) - E' morto ieri, all'età di 83 anni, Ugo Intini, storico esponente del Partito Socialista italiano. Intini era ricoverato da diverse settimane all'ospedale San Raffaele di Milano. 

Ascolti tv, ‘Mameli’ vince il prime time. Fiorello da record

(Adnkronos) - La prima puntata della fiction di Rai1 'Mameli – Il Ragazzo che Sognò l’Italia' è risultata la trasmissione più vista del prime time di lunedì, con 4.247.000 spettatori e il 23.5% di share. Al secondo posto, 'Grande Fratello' su Canale 5, con 2.407.000 spettatori e il 18.3% di share. Terzo piazzamento per 'Fast

Ucraina, Russia inserisce premier estone Kallas in lista ricercati. Camera Usa contro legge aiuti a Kiev

(Adnkronos) - Mentre proseguono gli attacchi militari della Russia in Ucraina, Mosca si muove anche a livello diplomatico inserendo la premier estone Kaja Kallas nella lista dei ricercati. Secondo le ultime news di oggi, 13 febbraio 2024, Missili e droni sono stati lanciati nella notte contro la città ucraina di Dnipro colpendo una delle più