Migranti, Mantovano: Ong rischiano di concorrere con trafficanti

Ogni vita stroncata è sconfitta per tutti, continuiamo a combattere
Palermo, 29 set. (askanews) – “Ogni vita umana stroncata a terra o in mare, lungo le rotte dell’immigrazione irregolare, è una sconfitta per tutti. Noi non intendiamo continuare a perdere su un fronte che chiama in causa la vita, per questo continueremo a combattere lo sfruttamento dei traffici irregolari”. Parla così il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano, oggi a Palermo.
“Il riacutizzarsi della polemica sul ruolo delle Ong è spiacevole: toccherà alla magistratura accertare quali complicità ci sono nell’accertare il percorso verso l’Italia. Quello che nelle intenzioni mira a salvare vite umane diventa fattore di concorso dell’attività dei trafficanti e di morte. Non ci voltiamo dall’altra parte rispetto alle sofferenze di chi fugge: da tempo insistiamo sui rimpatri volontari assistiti e sulla lotta senza quartiere ai trafficanti di esseri umani. Ogni vita umana stroncata a terra o in mare è una sconfitta per tutti: continueremo a combattere sfruttamento criminale e violazioni dei diritti umani”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Allarme superbatteri resistenti, infettivologi: “In Italia 11mila morti all’anno”

(Adnkronos) - I superbatteri resistenti agli antibiotici causano oggi 30mila morti in Europa, di questi 11mila in Italia e “il nostro Paese è tra quelli che soffre di più il problema con 2 milioni di giornate di degenza ogni anno per le conseguenze dell’antimicrobico-resistenza, come se tutti i posti letto del Friuli Venezia Giulia fossero

Palermo, gli indagati per la strage di Altavilla Milicia restano in carcere

(Adnkronos) - Per la strage di Palermo restano in carcere Giovanni Barreca, il muratore 54enne che ha sterminato domenica la sua famiglia ad Altavilla Milicia nel palermitano e la coppia di presunti complici, Sabrina Fina e Massimo Carandente. Sono tutti accusati di triplice omicidio e soppressione di cadavere. Il 54enne ha ucciso la moglie e

Meloni, vertice Italia-Romania con Ciolacu: “Condannati scontino pena nei loro Paesi”

(Adnkronos) - "Ringrazio il primo ministro Ciolacu per la grande disponibilità in materia di giustizia: sono tanti i punti condivisi, penso ad esempio che sia importante tra le sfide che ci diamo quella che i detenuti condannati in via definitiva nei rispettivi Paesi possano scontare la pena nel Paese di origine". Così la premier Giorgia