Migranti, Meloni: Onu dichiari guerra globale a trafficanti

“E’ dovere rifiutare ogni ipocrisia”
New York, 21 set. (askanews) – E’ “dovere” dell’Onu “rifiutare ogni ipocrisia” sul tema dei migranti “e dichiarare una guerra globale e senza sconti ai trafficanti di esseri umani”. Lo ha detto la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, intervenendo all’assemblea generale dell’Onu.
“Davvero – ha chiesto – possiamo fingere di non vedere che oggi al mondo non esiste attivitĂ  criminale piĂą profittevole del traffico di migranti, quando proprio i rapporti Onu certificano come questo business abbia raggiunto per volumi di denaro il traffico di droga, e ampiamente superato quello delle armi?Davvero questa Assemblea, che in altri tempi ebbe un ruolo fondamentale nel debellare definitivamente quel crimine universale che era la schiavitĂą, può tollerare che torni oggi sotto altre forme, che si continui a mercificare la vita umana, che vi siano donne portate in Europa a prostituirsi per ripagare debiti enormi contratti con i trafficanti, o uomini abbandonati nelle mani della criminalitĂ  organizzata? Davvero possiamo dire che sia solidarietĂ  accogliere in via prioritaria non chi ne ha davvero diritto ma piuttosto chi ha i soldi per pagare questi trafficanti, e consentire ai trafficanti di stabilire chi abbia diritto a salvarsi? Io penso di no”.
“Per farlo – ha concluso – dobbiamo lavorare insieme a ogni livello, e l’Italia intende essere in prima fila su questo fronte”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Omicidio Mollicone, il criminologo Lavorino: “Serena non fu uccisa in caserma”

(Adnkronos) - Sedici enunciati per smontare l'impianto accusatorio nei confronti dell'ex comandante della caserma di Arce, Franco Mottola, del figlio Marco e della moglie Anna Maria, imputati nel processo per l'omicidio di Serena Mollicone, la giovane di Arce uccisa nel 2001. A presentarli in aula, davanti alla prima Corte d'Assise d'Appello di Roma, il criminologo

Ilaria Salis farĂ  richiesta per domiciliari in Italia o in Ungheria

(Adnkronos) - La difesa di Ilaria Salis, la donna italiana detenuta da quasi un anno in un carcere di massima sicurezza in Ungheria perché accusata di aver aggredito due militanti neonazisti, farà richiesta di poter scontare i domiciliari in Italia e, in subordine, in Ungheria. E' quanto si apprende dalla famiglia. La scorsa settimana Roberto Salis

Protesta dei trattori, Meloni: “Non si salva l’ambiente contro gli agricoltori, li capisco”

(Adnkronos) - Per quanto riguarda gli agricoltori "capisco le proteste, ovviamente, perché l'agricoltura è in una condizione molto difficile in Europa". La presidente del Consiglio Giorgia Meloni in un'intervista al Tg5 sottolinea come da noi "aumentino i costi di produzione e diminuiscano i prezzi di vendita". La premier punta il dito contro le "follie" di