Palazzo Chigi: l’Italia lavora per favorire il dialogo tra l’Armenia e l’Azerbaigian

Attivato sistema protezione civile
Roma, 30 set. (askanews) – L’Italia lavora per la stabilizzazione “favorendo il dialogo” tra Armenia e Azerbaigian e ha attivato il sistema di protezione civile nella vicenda del Nagorno Karabakh. E’ quanto si legge ion una nota di Palazzo Chigi.
“Ieri sera – si ricorda – è pervenuta alla Commissione europea la richiesta di assistenza internazionale da parte della Repubblica di Armenia a causa dell’esodo in corso dall’area del Nagorno-Karabakh. Sono domandati materiali di assistenza alla popolazione sfollata in arrivo sul territorio armeno, in termini di rifugi temporanei e beni medico-sanitari”.
“L’Italia, che è al lavoro per favorire la stabilizzazione della regione, favorendo il dialogo tra Armenia e Azerbaigian, ha intanto immediatamente attivato il sistema di protezione civile, avviando una ricognizione dei beni di assistenza alla popolazione in disponibilità presso le diverse articolazioni del Servizio Nazionale e rispondenti alle esigenze espresse dal Paese”, conclude la nota.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Sinner torna in campo e domina a Rotterdam

(Adnkronos) - Rientro in forma smagliante per Jannik Sinner, stavolta sul cemento indoor dell'Atp di Rotterdam dopo la terra rossa australiana. Botic Van De Zandschulp cede all'azzurro in due set e un'ora e mezzo scarsa di partita. Il punteggio finale è di 6-3 6-3. 

Covid, da Camera ok a Commissione d’inchiesta dopo bagarre

(Adnkronos) - L'Aula della Camera ha approvato la proposta di istituire una commissione d'inchiesta sul Covid. I sì sono stati 132, i voti contrari sono stati 86. Prima la seduta era stata sospesa per la bagarre nell'emiciclo durante le dichiarazioni di voto sulla proposta di istituire la commissione. Le opposizioni hanno duramente protestato durante l'intervento

Netanyahu: “Potente operazione a Rafah quando saranno usciti i civili”. Usa: “Attendiamo risposte chiare”

(Adnkronos) - "Noi combatteremo fino alla vittoria completa, e questa comprende una potente operazione anche a Rafah dopo che avremo permesso alla popolazione civile di lasciare le zone di combattimento". E' quanto afferma Benjamin Netanyahu sui social media, mentre da Washington viene ribadito che Israele deve dare risposte su dove potranno andare i palestinesi, oltre