Quando Gianni Vattimo raccontava barzellette

ROMA – Si vantava di avere “un repertorio di barzellette da far invidia a Silvio Berlusconi” e aveva scritto ironicamente (nel suo libro) che Umberto Eco, a cui era legato da un rapporto di grande amicizia, gli aveva insegnato “principalmente barzellette”. E allora, nel giorno in cui il filosofo e intellettuale è venuto a mancare all’età di 87 anni, riproponiamo le tre barzellette che raccontò 16 anni fa, nel 2007, nel corso di un’intervista rilasciata al giornalista Claudio Sabelli Fioretti.

IL RE UMBERTO

“Il re Umberto 1 viene sparato dall’anarchico. Muore e gli trovano un buco in mezzo alla testa. Si chiedono: come è possibile? Delicatamente interrogano sua Maestà la Regina. “Maestà, non capiamo come sia potuto succedere. Lei era lì seduta accanto a lui…” E la Regina: “Io ho visto l’anarchico che puntava la pistola e ho urlato: “Umberto guarda che ti tira”. E lui ha abbassato la testa per guardare”. Alla barzelletta seguì poi questo commento di Vattimo, noto per l’ironia spiazzante che metteva un po’ ovunque: “Solo i filosofi italiani possono raccontare barzellette del genere. Heidegger non lo avrebbe mai fatto“.

NATALE E FERRAGOSTO

“Una vecchina va dal medico e dice: “Dottore, dottore io non so che cosa succede. Mi preoccupa molto mio marito. Quando facciamo l’amore ha sempre o molto molto caldo o molto molto freddo”. E il dottore: “Strano. Ma lo fate sovente?”. La vecchina: “Normale. Una volta a Natale e una volta a Ferragosto”.

LA GRONDAIA

“La vecchina torna dal dottore e dice: “Che cosa devo fare dottore, mi sento sempre molto stanca”. E il dottore: “Ma lei ha una certa età. Dove abita?” “Abito in un palazzo al quinto piano senza ascensore”. “Può essere questo. Almeno per una quindicina di giorni eviti di fare le scale e prenda queste pastiglie. Poi vediamo”. La vecchina torna dopo quindici giorni. E dice: “Dottore le pastiglie mi hanno fatto bene”. “Vedo, vedo, la trovo in forma, la pressione è a posto”. E la vecchina: “Posso ricominciare a fare le scale?”. “Sì, ricominci, piano piano”. “Meno male. Ero stufa di andare tutti i giorni su e giù per la grondaia!”

L’articolo Quando Gianni Vattimo raccontava barzellette proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Sanremo, Geolier in testa dopo la seconda serata. Emozione Allevi

Travolta fa il ballo del qua qua. Dargen: non faccio politica Roma, 8 feb. (askanews) – La commozione di Giovanni Allevi sul palco del Teatro Ariston; il messaggio contro il femminicidio del cast di Mare Fuori; Giorgia che incanta il pubblico; la gag di Amadeus con Fiorello e John Travolta, nel ballo del qua qua.

Amadeus e la gag con Fiorello: “John Travolta mi ha guardato male…”

(Adnkronos) - "John Travolta mi ha guardato male...". Dopo la seconda serata del Festival di Sanremo 2024, Amadeus si accomoda all'Aristonello per qualche minuto in compagnia di Fiorello nella puntata di Viva Raidue - Viva Sanremo. L'argomento top è, ovviamente, la performance offerta dal direttore artistico e dallo showman con John Travolta, che si è

Sanremo 2024, Geolier guida la classifica Top 5 della seconda serata

(Adnkronos) - Geolier con 'I p' me, tu p' te' guida la Top 5 della seconda serata di Sanremo 2024, dove ha votato la giuria delle radio ed è entrato in gioco il televoto. Al secondo posto Irama con 'Tu no', al terzo Annalisa con 'Sinceramente'. Quarta Loredana Bertè con 'Pazza', al quinto posto Mahmood