Sgarbi si schiera con Greco: “Al museo egizio nessuna discriminazione per gli italiani”

ROMA –  “L’intervento del vice segretario della Lega Andrea Crippa è basato su una conoscenza parziale dei fatti. L’agevolazione sul biglietto per le coppie di lingua araba aveva un fine elementare: incrementare le visite al museo dopo avere verificato che, tra gli spettatori del museo Egizio, non c’erano visitatori di lingua araba. Non c’è stata alcuna discriminazione nei confronti dei visitatori italiani, ma una semplice campagna di comunicazione. I musei statali, tra l’altro, prevedono diverse agevolazioni per i cittadini italiani, ma certo nessuno le ritiene una discriminazione per i visitatori di altri Paesi. Insomma, la scelta di Greco non aveva alcun significato ideologico“. Lo dice il sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi, a proposito delle polemiche che hanno coinvolto il direttore del museo Egizio di Torino Christian Greco. “Mentre si comprende la posizione dell’assessore regionale di Fratelli d’Italia Maurizio Marrone- aggiunge Sgarbi- che è intervenuto a sostegno della posizione del suo leader Giorgia Meloni, l’uscita di Crippa appare un difetto di valutazione dei fatti con l’unico risultato di creare una reazione favorevole a Greco che alla fine risulterà inamovibile. Al ministero della Cultura tocca la nomina del presidente del museo Egizio, non del direttore. La contrapposizione politica non può che favorire la riconferma dell’incarico a Greco, i cui meriti, comunque, nella conduzione del museo, e al di là della durata del suo mandato, non si possono ignorare”.

L’articolo Sgarbi si schiera con Greco: “Al museo egizio nessuna discriminazione per gli italiani” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Eurispes, 6 insegnanti su 10 insoddisfatti sistema valutazione voti

(Adnkronos) - Circa 6 insegnanti su 10 si dichiarano insoddisfatti del sistema di valutazione basato sui voti (61%). Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, sono soprattutto gli insegnati più giovani (18-24 anni) a considerare adeguati i voti come metro di giudizio nei confronti degli alunni (66,7%). E' quanto emerge dal 2° Rapporto Nazionale sulla scuola

Cracco: “L’economia si regge anche sulla produzione dei salumi, bisogna raccontarlo”

(Adnkronos) - “È davvero difficile raccontare e soprattutto far capire quanta storia, quanta tradizione, quanto lavoro e soprattutto quanta unicità ci siano dietro ai prodotti agroalimentari italiani". Così, lo chef Carlo Cracco, in occasione della cerimonia di premiazione della diciassettesima edizione di Reporter del Gusto, il premio giornalistico ideato e promosso dall’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani

Eurispes, solo 41,8% docenti elementari e medie non ha mai riscontrato abbandono scolastico

(Adnkronos) - Solo il 41,8% dei docenti non ha mai riscontrato casi di abbandono scolastico nell’Istituto nel quale insegna. La dispersione scolastica è più diffusa fra i ragazzi delle scuole medie dove solo il 28,6% dei docenti non ha mai riscontrato casi di abbandono (46,4% nelle scuole primarie). E' quanto emerge dal 2° Rapporto Nazionale