Missione lampo Meloni in Africa: scriviamo insieme ‘Piano Mattei”

La Premier in un solo giorno in Mozambico e Congo, focus su energia e cooperazione
Maputo (Mozambico), 13 ott. (askanews) – Di fronte ai “problemi” di approvvigionamento energetico dell’Europa, a maggior ragione date le incertezze del contesto geostrategico, è fondamentale il rapporto con l’Africa che “è potenzialmente un enorme produttore di energia”. Giorgia Meloni lo ribadisce nella sua visita “lampo” che l’ha portata questa mattina a Maputo in Mozambico e questa sera a Brazzaville in Congo per incontrare i presidenti Filipe Nyuso e Denis Sassou Nguesso. Una visita che è stata “ristretta” rispetto al programma originario, a causa della crisi israelo-palestinese, ma non cancellata proprio a sottolineare la sua importanza.
Il Mozambico prevede una fornitura di 4,5 mld di metri cubi di gas liquefatto (Gln) per il 2024-2025, con prospettive di crescita. Dal Congo arriveranno invece fino a 1 mld di metri cubi per l’inverno 2023-2024 e poi fino a 4,5 mld. Dunque il focus della visita di Meloni – accompagnata dall’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi – è sull’approvvigionamento in particolare di gas. Del resto l’Italia ha come principale fornitore l’Algeria, che sostiene Hamas, e anche se Roma ha avuto “rassicurazioni” informali sulla stabilitĂ  del flusso, non è possibile escludere a priori ripercussioni. Dunque va consolidato il rapporto con Paesi come Congo e Mozambico, che con i vasti giacimenti scoperti nel nord del Paese ha “un’enorme possibilitĂ ”, pur dovendo fare i conti con le difficoltĂ  create dal terrorismo interno. Su questo c’è collaborazione con il governo di Maputo, nella consapevolezza che “stabilitĂ  e pace sono alla base di qualsiasi sviluppo strategico”. Anche Nyusi ha sottolineato che sull’energia “possiamo fare di piĂą e molto meglio” nella partnership tra i due Paesi. La collaborazione può crescere anche nell’agricoltura, su cui l’Italia può fornire “il know how e la tecnologia che possono aiutare le aziende” a crescere. Altro terreno di cooperazione è il turismo – lei stessa, confessa, anni fa è stata in vacanza in Mozambico – su cui c’è “un potenziale incredibile e straordinario e siamo pronti a lavorare insieme”.
Parlando in Congo, Meloni ha ribadito che “la cooperazione non ha nulla a che fare con un approccio paternalistico e predatorio, il modello che l’Italia sta cercando di portare avanti e allargare” è rappresentato da “imprese che hanno investito ponendo al centro il proprio lavoro ma anche la crescita della terra in cui operavano”. Ad esempio per quanto riguarda Eni, “le esportazioni di gas riguardano solo l’esubero non necessario alla popolazione locale”. Inoltre “l’Eni contemporaneamente porta avanti attivitĂ  sociali. Esattamente il modello di partenariato che intendiamo rafforzare e che si può aprire in molti altri settori che vorremmo esportare negli altri paesi Africani e un po anche nell’Ue. Bisogna legare i propri destini e crescere insieme”.
Prossimo passo della strategia italiana per un nuovo rapporto con l’Africa è la presentazione del ‘Piano Mattei’, slittata da novembre agli inizi del prossimo anno, “per capire meglio il quadro della situazione internazionale”. L’obiettivo e la “novitĂ ” rispetto al passato – ha concluso Meloni – è “scriverlo insieme” ai Paesi africani, per “capire quali sono le prioritĂ ”, sulla base della convinzione di fondo che “l’Africa non va aiutata con la caritĂ  ma va sostenuta con le ricchezze che ha”.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Caos televoto a Sanremo 2024, cantanti segnalano disagi

(Adnkronos) - E' caos nel sistema del televoto del festival nella serata di Sanremo 2024. Sui social, schiere di utenti lamentano la mancata conferma di ricezione del voto e un blocco del sistema. Anche alcuni degli artisti in gara stanno facendo dei video in cui cercano di rassicurare i fan ed evidenziano dei rallentamenti e

Fiorello: “Amadeus ultimo Sanremo, il figlio deve tornare a scuola”

(Adnkronos) - Un mash up tra Michael Jackson e Domenico Modugno in 'Vecchio Frac'. Fiorello esordisce così da co-conduttore sul palco dell'Ariston: vestito con un frac profilato di led fosforescenti, lo showman ha cantato accompagnato dai Light Balance, compagnia ucraina di Kiev celebre nel mondo. "Per fare questo numero sono stato in carica tutto il

Sanremo 2024, top e flop della serata finale

(Adnkronos) - La finale di Sanremo 2024 tra alti e bassi. I momenti top e flop all'Ariston nella serata conclusiva del festival, con tutti i 30 Big in gara per la vittoria. Nelle infinite serate del festival ci sono picchi e picchiati, suoni e suonati. Una rassegna di alti e bassi, di esaltazioni e delusioni.