Maltempo estremo sull’Italia con vento, nubifragi e neve: dove e quando colpirà

(Adnkronos) – Vento, nubifragi e neve fin sulle coste. Secondo le ultime previsioni meteo di oggi e domani sarà un maltempo estremo quello che colpirà l’Italia nei prossimi 10 giorni di novembre, in particolare per il settore italiano del Centro-Sud. 

Secondo Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.iLMeteo.it che invita tutti alla massima prudenza, nelle prossime ore un ciclone impatterà sull’Italia con venti forti e piogge. Nel dettaglio si prevedono precipitazioni intense su Emilia Romagna e Marche, ma i fenomeni saranno diffusi anche sul resto delle regioni centrali (Sardegna compresa) e Campania. I venti tenderanno ad intensificarsi, come in tutti i cicloni, e la direzione di provenienza sarà per lo più da Nord-Est: questi venti, provenendo da Nord, porteranno quindi anche una generale diminuzione delle temperature massime, specie al Centro. 

Ma l’attività ciclonica principale si svilupperà tra mercoledì e giovedì con il vortice in moto verso il Sud: mercoledì 22 novembre sono attese dapprima piogge intense su Medio Adriatico e Basso Tirreno, anche con nevicate in collina tra Marche e Molise; la quota neve minima sarà intorno ai 900 metri. Dalla sera, però, ancora più attenzione: saranno possibili fenomeni abbondanti tra Sicilia e Calabria ionica che proseguiranno anche giovedì 23.  

Il 23 novembre, infatti, sembra essere la giornata peggiore di questa prima fase perturbata: i modelli sono concordi nel prevedere nubifragi sul versante ionico, con accumuli oltre i 100 mm/24 ore tra Salento, Calabria Ionica e Sicilia orientale e settentrionale. Insomma il ciclone svilupperà la massima potenza entro il 23 novembre, complici i mari ancora caldi al Sud: tutto il calore dell’acqua si trasformerà in nubifragi autunnali molto pericolosi. 

Una tregua, durante questa terza decade di novembre movimentata, è attesa per venerdì 24: ma subito dopo, l’ultima settimana del mese sarà pronta a sorprenderci ancora. Infatti, sabato 25 sono previste altre piogge al Sud e neve in collina al Centro sul Medio Adriatico: questa previsione conferma anche un primo graduale ma forte calo delle temperature su tutto il Paese; domenica mattina si potrebbero avere al Centro-Nord le prime gelate diffuse in pianura, il primo freddo importante della stagione. 

Analizzando però la tendenza, ovviamente da confermare, scopriamo dalle mappe un’altra figura estrema: una ‘sciabolata artica’ potrebbe colpire il Centro-Sud alla fine del mese con neve fin sulle coste adriatiche. La classica colata di aria gelida è prevista scendere dalla Russia con fenomeni nevosi di stampo invernale: insomma nei prossimi 10 giorni vivremo le montagne russe del meteo, dal ciclone ventoso alle piogge alluvionali, fino alla sciabolata artica possibile tra mercoledì 29 e giovedì 30 novembre. 

Se tutte queste previsioni, alcune a lunga scadenza e quindi da valutare bene, venissero confermate ci attende un calo delle temperature di 16 gradi in 10 giorni: da una coda estiva ad un gelido inverno in una sola decade. 

NEL DETTAGLIO 

Martedì 21. Al nord: piogge in arrivo sull’Emilia Romagna. Al centro: maltempo su Marche e Umbria, poi Abruzzo e Appennini. Al sud: instabile in Campania. 

Mercoledì 22. Al nord: sole prevalente, venti sostenuti da nordest. Al centro: maltempo su Adriatiche con neve a 900 metri. Venti forti da nordest. Al sud: fortemente instabile. Ventoso. 

Giovedì 23. Al nord: sole prevalente. Al centro: qualche fenomeno sulle Adriatiche, ventoso altrove. Al sud: maltempo estremo tra Calabria e Sicilia, rischio alluvioni. Venti forti. 

Tendenza: miglioramento graduale anche al Sud ma via via più freddo; gelate in pianura al Centro-Nord nel weekend. 

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Temporali e grandine, è allerta meteo in tutta Italia

ROMA – Per mercoledì 28 febbraio si attende una giornata ricca di rovesci  di forte intensità, frequente attività elettrica, possibili grandinate e forti raffiche di vento anche al Sud Italia, mentre l’attenzione resta massima in Veneto per il rischio allagamenti. La Protezione Civile ha emesso, per questo, un nuovo bollettino meteo di allerta, estesa praticamente a

Meloni alla Stampa estera: “Volevo essere come Michael Jackson, ma sono stonata”

ROMA –  La stampa estera a breve si trasferirà a Palazzo Grazioli, nel cuore di Roma, un tempo alloggio romano di Silvio Berlusconi. Sul ‘trasloco’ ha scherzato la presidente del Consiglio Giorgia Meloni che ieri sera ha incontrato proprio la stampa estera: “Vi faccio i complimenti in bocca al lupo per la nuova sede, non so cosa

Nato, stampa svedese: “la corsa agli armamenti è un fatto”

Ancora rimandata adesione Stoccolma causa lungaggini ungheresi Stoccolma, 28 feb. (askanews) – "La Nato chiede che le infrastrutture svedesi vengano migliorate". Così titola il quotidiano svedese Dagens Nyheter sul suo sito, spiegando che si ipotizza che la Russia stia "ammassando e dispiegando" truppe di terra, veicoli da combattimento e altra logistica lungo il nuovo confine