BPER e Avviso Pubblico, torna progetto contro il gioco d’azzardo

Presentata a Milano la nuova edizione de La Trappola dell’Azzardo
Milano, 14 feb. (askanews) – Una nuova edizione del progetto dell’associazione Avviso Pubblico e di BPER Banca per prevenire la dipendenza da gioco d’azzardo patologico tra i giovani e non solo. È stata presentata a Palazzo Marino a Milano “La Trappola dell’Azzardo”, che quest’anno punta ad aumentare la consapevolezza dei rischi e dei pericoli di un fenomeno che nel 2022 e nei primi mesi del 2023 ha continuato a muovere sempre più denaro.
“La nostra rete che conta 600 enti – ha detto ad askanews Roberto Montà, presidente dell’associazione Avviso Pubblico – è impegnata oramai da anni nel diffondere una cultura su questi temi e una conoscenza. Parliamo di circa 150 miliardi, una tassa di oltre 2.700 euro pro capite che vengono versate ogni anno, con un milione e mezzo di cittadini che sono affetti da ludopatia. Noi abbiamo bisogno che cresca la cultura e il fatto che una banca e un’associazione di enti siano impegnati ha una ragione molto semplice, quelli che vedono gli effetti del disastro del gioco siamo noi”.
Per BPER Banca il sostegno al progetto è un’altra forma dell’impegno nella società, che nel caso del gioco d’azzardo prende la forma di campagne educative e azioni concrete.
“Abbiamo grande attenzione, naturalmente visti i numeri, ai comportamenti dei giovani, soprattutto dopo la pandemia – ha aggiunto Flavia Mazzarella, presidente di BPER Banca – e quindi abbiamo deciso di intervenire in maniera decisa e determinata inibendo l’uso di carte di credito quando ci si rivolge a determinati siti o determinate attività, così come siamo intervenuti cercando di non finanziare progetti per l’acquisto di macchinari per il gioco d’azzardo o soggetti che praticano questo tipo di attività”.
Per il 2024 “La Trappola dell’Azzardo presenta delle novità importanti, come il coinvolgimento degli Ordini professionali dei giornalisti, degli assistenti sociali, degli avvocati e degli psicologi. Inoltre è stato presentato anche un vademecum che verrà distribuito agli studenti e alla cittadinanza. E il tema del contrasto al gioco patologico è importante anche per il Comune di Milano.
“Non abbiamo mai abbassato la guardia – ha concluso Anna Scavuzzo, vicesindaco di Milano – ma oggi più che mai abbiamo bisogno di una grande alleanza fra le amministrazioni, tutto il terzo settore e quella grande risorsa che è la scuola per far comprendere ai ragazzi quelli che siano anche un po’ gli scenari nei quali possono perdersi. Io credo che rinnovare l’impegno, già a Milano sono attivi diversi servizi, penso al grande impegno della Caritas, penso al lavoro che abbiamo fatto con ATS anche per il contrasto, pensate alla grande campagna No Slot che certamente torna a essere per noi un impegno prioritario, ecco abbiamo bisogno di fare cultura della legalità”.
Sono quattro le tappe previste nel 2024: si inizia il 16 febbraio a Bari, quindi si passa a Verona nel mese di marzo, a Milano in aprile, e infine a maggio a Firenze.

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Aborto,Pro life: Commissione Ue vittima fake news sinistra italiana

Il sostegno alla maternità fa parte del Pnrr Roma, 19 apr. (askanews) – "La Commissione UE non si faccia influenzare dalle fake news diffuse dalla sinistra in Italia: non è vero che nel Pnrr ci siano norme sull'aborto e non è vero che l'emendamento sulla collaborazione tra consultori e associazioni di sostegno alla maternità non

Basilicata, Bardi: sono tranquillo, più vicino al 60% che al 50%

Stasera il comizio a Potenza con Meloni, Tajani e Salvini Roma, 19 apr. (askanews) – "Sono tranquillo perché spero di potercela fare" a essere rieletto. Lo ha detto a "Un giorno da pecora", su Rai Radio Uno, Vito Bardi, presidente uscente della Basilicata e ricandidato per il centrodestra (con il supporto di Azione e Italia

Migranti, Schlein: sentenza sulla nave Iuventa è storica

'Vince la legge del mare: la solidarietà non è reato' Roma, 19 apr. (askanews) – "Una sentenza storica, prosciolti tutti i membri dell'equipaggio delle ong Jugend Rettet, Save the children e Medici Senza Frontiere perché il fatto non sussiste. Questo dimostra che soccorrere è un obbligo e che come abbiamo sempre detto la solidarietà non