Con il Decreto Agosto 104/2020 sono stati introdotti alcuni benefici al fine di sostenere l’occupazione a tempo indeterminato e determinato ed evitare l’utilizzo della cassa integrazione. La disposizione del decreto Legge prevede l’esonero totale del versamento dei contributi previdenziali per i datori di lavoro che assumono lavoratori subordinati a tempo indeterminato fino al 31 dicembre 2020, per un periodo massimo di 6 mesi decorrenti dall’assunzione che dovrà avvenire successivamente all’entrata in vigore del Decreto (15 agosto 2020). “L’importo massimo di agevolazione per lavoratore è di euro 8.060 annui – sottolinea Paolo Longoni, Consigliere d’Amministrazione della Cassa Ragionieri – complessivamente tale misura genererà minori entrate contributive per un totale di 371,8 milioni di euro per ¡I 2020. Sono esclusi dall’ambito di applicazione i datori di lavoro del settore agricolo, i contratti di lavoro domestico e di apprendistato, i contributi e premi dovuti all’Inail che dovranno essere ugualmente versati”. La trasformazione del contratto di lavoro da determinato ad indeterminato, invece, rientra nell’ambito di applicazione, purché avvenuto successiva mente al 15 agosto. Cosa prevede Lo stesso Decreto stabilisce che per le assunzioni a tempo determinato o per contratti stagionali nel settore del turismo e degli stabilimenti balneari, l’esonero del versamento contributivo è attuato nelle stesse modalità e nello stesso arco temporale, ma per un periodo di 3 mesi, “Importante, inoltre, è La “Decontribuzione Sud” – aggiunge Longoni – prevista nel decreto, ovvero, un esonero parziale del 30% sui contributi previdenziali nelle aree dove l’occupazione risulta particolarmente svantaggiata dovuta a situazioni di disagio socio-economico, allo scopo di garantire livelli occupazionali più elevate”.