Il «puzzle» dei rimborsi dei pagamenti eseguiti dalle Casse di previdenza private a vantaggio degli iscritti destinatari dell’indennizzo statale da 600/1.000 euro (poco più di 502 mila soggetti complessivamente) si va, ora dopo ora, assemblando: all’indomani dell’arrivo dei primi bonifici dal ministero dell’Economia, infatti, altre somme, si apprende, sono giunte a destinazione. Circa 650 mila euro sono stati, ad esempio, restituiti alla Cassa del Notariato per gli esborsi di aprile e maggio (per quest’ultima mensilità, però, la copertura non è integrale, ma del 98%, e verrà presto ripianata, una volta rifinanziato il fondo per il «Reddito di ultima istanza», come spiegato su ItaliaOggi di ieri, ndr), Ente che ha registrato il numero più basso di percettori del «bonus», ossia 440, mentre quella dei dottori commercialisti (Cnpadc), che ha corrisposto il sussidio a 29.215 professionisti associati, si è vista recapitare 17 milioni 521.200 euro per aprile, mentre «per il 98,06% delle indennità di maggio la somma arrivati è pari a 27 milioni 565.966,92 euro». All’Enpacl (consulenti del lavoro) per i 10.793 beneficiari della misura sono state date due «tranches» da 6 milioni 315.000 euro e 10 milioni 365 mila euro, quanto alla Cnpr (ragionieri) che aveva sovvenzionato 10.800 istanze, ha ricevuto «6 milioni 145 mila euro per aprile e 10.284.599,52 euro per maggio»; a seguire, dopo aver anticipato a 16.946 veterinari il sussidio pubblico, l’Ente previdenziale di categoria, l’Enpav, nelle ultime ore fa sapere d’aver incassato dal dicastero di via XX Settembre in tutto 26 milioni 732 mila euro, tuttavia, si precisa, «mancano all’appello ancora 549.000 euro». Inoltre, l’Enpap (psicologi), che aveva erogato i «bonus» a 36.563 iscritti, ha appena percepito 21,6 milioni per aprile e 35,5 milioni per maggio. Trapela, infine, che pure l’Inpgi (che ha distribuito l’indennizzo a 10.510 giornalisti che esercitano l’attività in forma autonoma) è stato rimborsato, così come ha avuto le somme dovute l’Enpapi, che ha pagato i 600/1.000 euro a 10.130 infermieri.