Tagli alle pensioni d’oro oltre i 4 mila euro netti? All’Adepp, l’associazione delle casse di previdenza dei professionisti, sono vigili in relazione alle prossime mosse annunciate dal governo ma non particolarmente preoccupati. O, almeno, soltanto poche cacce lo sono. Restano infatti pochi i professionisti che riescono a superare questa quota quando vanno in quiescenza. Si sa che superano questo plafond i notai, i farmacisti e i giornalisti. Per gli altri enti, gli assicurati che superano questa soglia sono relativamente pochi perché i redditi med su cui calcolare l’assegno sono sempre stati relativamente bassi, comunque lontani d questa soglia fissata dal governo. Non è ancora chiaro se gli eventuali tagli voluti dall’esecutivo si applichino anche alle categorie professionali, visto che in passato le casse hanno ottenuto dalla Corte costituzionale lo status di soggetti privati. È certo che il governo vuole che i tagli siano applicati anche ai regimi sostitutivi dell’Ago, l’assicurazione generale obbligatoria. Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. $ anche vero che le casse meno virtuose vedrebbero volentieri l’intervento del governo per riequilibrare i loro conti.

FONTELa Repubblica Affari & Finanza
CONDIVIDI