Mobilità elettrica, Regione Marche approva 48 progetti. Castelli: “Pronti per sfida green”

ANCONA – È stata approvata, in Regione, la graduatoria dei progetti di mobilità elettrica sostenibile delle imprese private che saranno finanziati nel Piano di sviluppo e la diffusione della mobilità elettrica regionale (eMobility ReMa). La Commissione di valutazione preposta ha dato il via a 48 delle 50 aziende che hanno risposto al Bando di concessione di contributi per l’installazione di infrastrutture di ricarica per mezzi elettrici. Dei restanti due progetti, uno è stato ritenuto inammissibile, mentre l’altro sarà finanziato in base a stanziamenti futuri.

L’avviso era stato emanato lo scorso ottobre dalla Regione, al fine di sviluppare sul territorio la diffusione di una mobilità sostenibile e a emissioni zero, creando una rete infrastrutturale per la ricarica dei veicoli elettrici accessibili al pubblico, presso poli commerciali, artigianali e industriali, ricettivi o ricreativi e aree di distributori di carburante. Dedicato a micro, piccole e medie imprese del territorio, il Bando, scaduto a dicembre, prevede il finanziamento di 828.190,00 euro, messi a disposizione dal Fondo alimentato con le royalties derivanti dall’estrazione di idrocarburi anni 2017 e 2018, assegnate alla Regione Marche a seguito di specifico Protocollo d’Intesa sottoscritto con il Ministero dello Sviluppo economico e il Ministero dell’Economia e delle finanze.

“Questo finanziamento è uno dei passi decisivi per rendere la nostra Regione pronta alla sfida green dei prossimi anni”: sono le parole dell’assessore regionale ai Trasporti con delega alla mobilità elettrica sostenibile Guido Castelli, competente in materia insieme all’assessore con delega al commercio e distribuzione carburanti Mirco Carloni. Il settore delle auto elettriche e ibride in Italia, prosegue Castelli, “è in forte ascesa: nell’ultimo anno il loro acquisto è aumentato del 147%, rappresentando oggi il 12% del mercato totale. Per questo dobbiamo dotare il territorio di un’offerta infrastrutturale all’altezza delle esigenze dei consumatori”. 

Nel dettaglio, delle 48 imprese che hanno visto, fin da subito, il proprio progetto finanziabile, 10 hanno sede nella Provincia di Pesaro Urbino, 10 nella Provincia di Ancona, 17 in quella di Macerata, 7 nel Fermano e 4 nella Provincia di Ascoli Piceno. Le infrastrutture risultate finanziabili verranno installate in otto aree di distribuzione di carburante tradizionale (settore distribuzione idrocarburi), oltre che presso dodici attività del settore turismo e in ventotto attività del settore commercio e artigianato. “Rispetto alle altre nazioni europee – conclude Castelli – l’Italia è ancora indietro nella mobilità elettrica, strumento fondamentale per migliorare la qualità dell’aria e dell’ambiente. Per il grande salto, dunque, è necessario migliorare il numero delle infrastrutture che oggi non sarebbe in grado di rispondere alle richieste di mercato. Per questo l’impegno di tutta la Giunta è chiaro: dotare il territorio di un servizio ottimale per la ricarica di veicoli elettrici, distribuendoli su tutta la regione ed essere così all’avanguardia nella lotta all’inquinamento”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Correlati

advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img
advspot_img

Ultim'ora

Ischia, prima ordinanza Legnini: individuati attuatori urgenze

Coinvolti Comuni, Città metropolitana e Protezione civile Napoli, 3 dic. (askanews) - Il commissario straordinario per l'emergenza a Ischia, Giovanni Legnini, ha individuato...

A piazza San Pietro l’albero di Natale che arriva dall’Abruzzo

Liris dopo l'inaugurazione: "Bellissima giornata di riflessione" Pescara, 3 dic. (askanews) - "Una bellissima giornata nella quale l'Abruzzo dona l'albero di Natale di...

Sicilia, sospeso il giudizio di parifica sul Rendiconto: resta il nodo disavanzo

PALERMO - Ora è corsa contro il tempo alla ricerca di una norma 'Salva-Sicilia' da ancorare al decreto Aiuti o direttamente alla manovra messa...