friuli-venezia-giulia,-zanin:-“superare-brevetti-esclusivi-per-i-vaccini,-no-speculazioni”

TRIESTE – “Si devono concedere produzioni su vasta scala, rivedendo temporaneamente il regime dei brevetti nel quadro di un accordo tra Unione europea, World Trade Organization e case farmaceutiche”. È quanto si legge nel documento sottoscritto questa mattina nel corso della videoconferenza coordinata dal presidente del Parlamento delle isole Canarie e presidente della Calre, Gustavo Matos, al quale ha preso parte il presidente del consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Piero Mauro Zanin, nel suo ruolo di vicepresidente della Conferenza delle Assemblee legislative regionali dell’Unione europea (Calre).

Zanin ha espresso la propria convinta adesione alla dichiarazione con cui il comitato permanente della Calre vuole sollecitare azioni volte a ottenere il superamento dei brevetti esclusivi per i vaccini anti Covid-19. Secondo i comuni intenti espressi oggi, va anche rivista la gestione dei diritti di proprietà intellettuale dei brevetti, per garantire la vaccinazione in tutti i Paesi del mondo, con un coordinamento che passa attraverso la creazione di una Banca dei brevetti.

“Sui diritti di proprietà e sui brevetti dei vaccini- si esprime Zanin- ci deve essere un impegno forte delle Assemblee legislative locali, perché si tratta di qualcosa che deve diventare patrimonio comune di tutte le realtà; non può essere lasciato alla speculazione economica, come accade molte volte, perché- sottolinea- in questo caso speculazione economica si traduce in morti sui nostri territori, morti che non vogliamo e non possiamo permettere che avvengano”.

Secondo il presidente dell’aula del Friuli Venezia Giulia poi, le Assemblee legislative regionali devono diventare attori principali del legiferare europeo e non più “mere Cenerentole- spiega- rispetto agli Stati o al Parlamento e alla Commissione dell’Unione. Devono passare dall’avere una funzione consultiva a una propositiva, nonché deliberativa. E questo modus operandi- deve incidere anche a sostegno di una risposta comune, efficace e rapida alla pandemia da Sars-Cov-2”.

LEGGI ANCHE: Friuli Venezia Giulia verso nuovo protocollo per riaprire cinema e teatri

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it