denuncia-del-pd-veneto:-“donazzan-ha-passato-il-25-aprile-commemorando-il-fascismo”

VENEZIA – L’assessore regionale al Lavoro Elena Donazzan (Fdi) torna nel mirino del Partito democratico, per aver passato domenica 25 aprile, la Festa della Liberazione, commemorando sul monte Corno 13 militi del Corpo di sicurezza trentino e un sergente tedesco che parteciparono al massacro della Lore, dove furono uccisi sei partigiani.

“Festeggiare il 25 aprile rendendo omaggio alle milizie naziste del Corpo di sicurezza trentino (Cst) è uno spettacolo indecente, una squallida provocazione che i veneti non si meritano”, attaccano i consiglieri Giacomo Possamai, Anna Maria Bigon, Vanessa Camani, Jonatan Montanariello, Andrea Zanoni e Francesca Zottis. “Domenica si celebrava la ritrovata libertà del nostro Paese, dopo oltre 20 anni di dittatura e oppressione. È vergognoso parlare di pari dignità tra chi ha gettato l’Italia nel nel baratro ed è stato complice della Shoah e chi ha sacrificato la propria vita per riscattarla. La storia, nonostante i maldestri tentativi di Donazzan, non si può riscrivere”, continuano i dem, che chiedono al presidente della Regione Veneto Luca Zaia e alla sua maggioranza di prendere le distanze.

DONAZZAN: “HO COMMEMORATO TUTTI I CADUTI, MI DIFENDERÒ PER VIE LEGALI”

“Come ogni anno, anche domenica mi sono recata a Lusiana in località Monte Corno per celebrare tutti (e sottolineo tutti) i connazionali che hanno combattuto durante la guerra civile 43-45 nell’ottica di una Pacificazione Nazionale”. Lo afferma l’assessore regionale al Lavoro del Veneto, Elena Donazzan (Fdi), che annuncia che l’intenzione di tutelarsi dal punto di vista legale contro i giornali che hanno scritto che sul Monte Corno ha commemorato i soldati del Cts e un soldato tedesco, in quanto si tratta di “una notizia palesemente falsa, tendenziosa e infondata”.

Inoltre, “ho dato mandato ai miei legali di procedere anche nei confronti dei consiglieri regionali del Partito democratico, Giacomo Possamai, Anna Maria Bigon, Vanessa Camani, Jonatan Montanariello, Andrea Zanoni e Francesca Zottis, firmatari di una nota stampa in cui mi si accusa – testualmente – di aver ‘festeggiato il 25 aprile rendendo omaggio alle milizie naziste'”.

ARTICOLO UNO: “DONAZZAN BRILLA PER ARROGANZA E IGNORANZA”

L’assessore regionale al Lavoro del Veneto, Elena Donazzan (Fdi), “disconosce la storia della sua terra mostrando arroganza ed ignoranza”, e il presidente della Regione Luca Zaia “non può continuare a far finta di nulla”, ma deve invece “rimuoverla dal suo incarico”. Lo affermano il segretario di Articolo Uno del Veneto, Gabriele Scaramuzza, la segretaria di Articolo Uno Vicenza, Delizia Catrini e il segretario di Articolo Uno Bassano del Grappa Mauro Beraldin, che attaccano Donazzan per aver passato il 25 aprile sul monte Corno, dove sono stati infoibati 13 militi del Corpo di sicurezza trentino e un sergente tedesco. “È grave che le istituzioni abbiano rappresentati che del fascismo ne fanno un vanto, perché non può essere altro che farsi vanto del proprio essere ancora testardamente dalla parte sbagliata l’unica ragione che può portare una politica a celebrare l’infoibamento di alcuni soldati tedeschi proprio nel giorno della liberazione”, sostengono gli esponenti di Articolo Uno.

“Nel giorno in cui si ricorda la gente che ha dato la sua vita in modo tragico e violento per portarci la democrazia che permette a lei di poterne fare scempio. Non esiste un altro 25 aprile, tutto ciò che non è celebrazione della libertà conquistata è supportare il fascismo, decretato illegale nella nostra Costituzione”. E quindi “chiediamo al presidente Zaia, ancora una volta, di rimuovere finalmente l’assessora Donazzan dall’incarico. Ricordiamo al presidente della Regione Veneto che deve scegliere da che parte stare, proprio come ci insegna la storia del 25 aprile”, concludono Scaramuzza, Catrini e Beraldin.

LEGGI ANCHE: Veneto, Donazzan: “Non ho alimentato l’odio cantando ‘Faccetta nera’”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it