la-liguria-‘rimborsera’-i-turisti-stranieri-in-caso-di-contagio-durante-le-vacanze

GENOVA – La Regione Liguria stipulerà una polizza assicurativa per rimborsare i turisti stranieri delle spese mediche e di quelle per l’eventuale prolungamento del soggiorno, se dovessero contrarre il Covid nel corso della vacanza. È quanto previsto da un emendamento alla modifica del collegato dell’ultima legge di bilancio, approvato oggi in consiglio regionale con il voto favorevole della maggioranza di centrodestra e l’astensione dell’opposizione. La polizza avrà valore dal primo giugno a fine dicembre e sarà coperta dalla Regione con 300.000 euro derivanti dal fondo straordinario per l’emergenza Covid. La tutela si estende anche agli albergatori, per i costi di eventuali periodi di quarantena e di conseguente chiusura della struttura o di una sua parte.

“La Liguria è la prima regione italiana che sta predisponendo questo strumento di tutela per i suoi turisti e una delle prime in Europa- commentano il governatore Giovanni Toti e l’assessore al Turismo, Gianni Berrino- soltanto l’Andalusia offre già una copertura assicurativa ai turisti. La stagione in arrivo è fondamentale per il nostro turismo, dobbiamo fare tutto il possibile perché i nostri operatori possano lavorare in tranquillità”. A rivendicare la paternità della proposta è il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Fabio Tosi: “Chi quest’estate sceglierà la nostra regione per trascorrere le ferie, avrà bisogno di tutele- afferma il pentastellato- così come le nostre Asl avranno bisogno di uno scudo per curare eventuali turisti stranieri, qualora questi dovessero ammalarsi qui durante le ferie. L’emendamento concorre a promuovere la Liguria come destinazione sicura perché mette i turisti al riparo da eventuali spese pesanti in caso di contagio in una delle nostre località turistiche”.

LEGGI ANCHE: Tavole imbandite e ombrelli: la #protestaligure dei ristoratori in piazza a Genova

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it