torino,-il-centrosinistra-apre-le-primarie-anche-ai-non-iscritti

TORINO – A Torino, dopo la decisione Pd sulle primarie di coalizione, è in corso un tavolo del centrosinistra per decidere il regolamento per la gara del 12-13 giugno che dovrà incoronare il candidato sindaco. A quanto apprende la ‘Dire’, al tavolo partecipano Pd, Italia Viva e Moderati, mentre Azione non ne fa parte. Tra i punti all’ordine del giorno l’invito o meno al Movimento 5 Stelle a far parte dell’alleanza, per ora non esplicitato dai vertici del Pd né locali né nazionali. L’assenza di Azione, notoriamente avversa ad alleanze con M5S, dal tavolo, fa presumere che l’alleanza con i 5 Stelle sia ancora una possibilità, seppur remota.

LEGGI ANCHE: Roma, candidature primarie centrosinistra entro il 20 maggio: serviranno 2500 firme

Nella bozza del regolamento in possesso della ‘Dire’, per partecipare alle primarie del centrosinistra sarà necessario sottoscrivere il ‘Patto di programma e di solidarietà della coalizione per Torino 2021’. Per candidare ‘personalità non espressione di partiti’ della coalizione serviranno 4.000 firme. Questa candidatura è quindi possibile, ma i sottoscrittori del ‘Patto di programma e di solidarietà della coalizione per Torino 2021’ si riservano di decidere se ammettere o meno il candidato.

Per i membri del Pd che vorranno candidarsi occorreranno 7.000 firme, oppure 540 di iscritti al Pd dal 2019 residenti a Torino. Le candidature andranno presentate entro il 23 maggio alle 18.00. I nomi dei candidati alle primarie saranno resi noti il 24 maggio.

Per la campagna elettorale saranno vietati i manifesti di grande formato, tra cui quelli 6×3 che invece sono utilizzati dal candidato del centrodestra Paolo Damilano. Secondo quanto previsto dalla bozza, le primarie saranno in presenza dalle 15.00 alle 20.00 di sabato 12 e dalle 8.00 alle 20.00 di domenica 13 giugno. Nella bozza non ci sono riferimenti alla piattaforma online, che il responsabile per gli enti locali del Pd Francesco Boccia aveva detto essere pronta e che avrebbe consentito lo svolgimento in sicurezza delle primarie online. Come di consueto per le primarie, potranno votare i maggiori di 16 anni, e per votare bisognerà versare 2 euro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it