traffico-di-droga,-estorsioni-e-truffe-all’inps:-40-arresti-tra-sicilia-calabria-ed-emilia-romagna

PALERMO – Quaranta arresti tra le province di Catania, Siracusa, Cosenza e Bologna per associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico di droga, estorsioni e associazione a delinquere per falsi e truffe ai danni dell’Inps. È il bilancio dell’operazione antimafia portata a termine nell’ambito di una inchiesta della Dda di Catania che ha consentito di ricostruire gli organigrammi di due gruppi mafiosi della famiglia Santapaola-Ercolano stanziati sul territorio di Paternò e Belpasso, oltre che di individuare le varie attività illecite degli affiliati: non soltanto un fiorente traffico di marijuana e cocaina, ma anche estorsioni, riciclaggio e ricettazione. Tra gli elementi di vertice dell’organizzazione ci sarebbe Santo Alleruzzo, detenuto nel carcere di Rossano, in provincia di Cosenza: l’uomo avrebbe approfittato dei permessi premio per ritornare a Paternò, suo paese d’origine, dove “nel corso di summit mafiosi – dicono i carabinieri del Comando provinciale di Catania – continuava a impartire ordini e direttive per la gestione degli affari del clan”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it